background

BROZOVIC ILLUDE, MA NELLA RIPRESA L'INTER CADE ANCHE A FIRENZE

Pubblicato il 14/02/2016
 In quel dell’Artemio Franchi di Firenze va in scena una partita delicatissima in ottica terzo posto, obiettivo dichiarato di ambedue le squadre. Le inseguitrici dirette (Roma e Milan) non hanno tradito le aspettative sbarazzandosi piuttosto agevolmente di Carpi e Genoa, e dunque la pressione è elevatissima su Fiorentina e Inter, che si sfidano in uno scontro diretto tanto affascinante quanto importante. L’Inter, dopo aver dato segnali di ripresa nel turno infrasettimanale della scorsa settimana, è reduce dall’ennesimo passo falso del 2016: un misero 3-3 in casa di un Hellas Verona sempre più fanalino di coda. La Viola si presenta alla sfida in un momento di discreta forma: i ragazzi di Sousa, dopo il KO di San Siro contro il Milan, hanno messo in fila 4 risultati utili consecutivi. La Viola sin qui ha perso soltanto due volte dinnanzi ai propri tifosi, capitolando contro le due squadre romane. L’Inter non vince in trasferta dal 6 Gennaio scorso, quando si impose sull’Empoli con il risultato statisticamente prediletto dall’undici di Mancini: lo 0-1. 
Partono subito forti i padroni di casa, che si rendono pericolosi prima con Bernardeschi e poi con Ilicic ma in entrambe le circostanze si fa trovare pronto Handanovic. Qualche istante dopo, è nuovamente Ilicic a rendersi pericoloso ma- battuto Handanovic- si immola Telles che riesce a salvare in extremis. Al 27’ l’Inter passa in vantaggio con Brozovic, che in completa libertà ribadisce a rete di controbalzo dopo un cross arretrato di Palacio. La Fiorentina, nel finale di prima frazione, prova a reagire con Vecino, che con una torsione aerea prova ad indirizzare a rete trovando però l’opposizione di Handanovic. Il primo tempo termina dunque 0-1 per i ragazzi di Mancini, autori sin qui di un’eccellente prestazione difensiva e abili a sfruttare l’unica vera occasione costruita. Ma nel secondo tempo cambia la musica, e al 60’ cambia anche il risultato: su traversone di Bernardeschi, Murillo prova ad allontanare di testa ma finisce per favorire Borja Valero, che a due passi da Handanovic non deve far altro che spingere in rete. All’82’ Mazzoleni si inventa letteralmente un fallo di Telles su Bernardeschi, che costa al brasiliano il secondo giallo (e dunque l’allontanamento dal campo). Nei minuti di recupero, i padroni di casa trovano in maniera alquanto rocambolesca il gol della vittoria: sulla conclusione di Zarate, si distende Handanovic che respinge sul corpo di Babacar, che quasi involontariamente condanna l’Inter ad un’amarissima sconfitta. Nel finale vengono espulsi Zarate e Kondogbia per condotta anti-sportiva. 
Termina dunque 2-1 per la Fiorentina uno scontro diretto che per l’Inter ha il sapore di una condanna definitiva: i nerazzurri si trovano ora al quinto posto della classifica, scavalcati anche dalla Roma e avvicinati dai cugini rossoneri (ora a -2).