background

PERISIC E D'AMBROSIO REGALANO AL MANCIO IL QUARTO SUCCESSO CASALINGO CONSECUTIVO: E' 2-1 FRA INTER E BOLOGNA

Pubblicato il 12/03/2016
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A SAN SIRO- Allo Stadio Giuseppe Meazza va in scena Inter-Bologna, anticipo della 29’ giornata di Serie A. 
I nerazzurri sono chiamati a vincere per dare continuità di risultati e rimanere attaccati alla zona calda in chiave terzo posto, in vista dello scontro diretto contro la Roma in programma Sabato prossimo. La formazione di Donadoni, autrice fin qui di un campionato strepitoso e ben al di sopra delle aspettative, è reduce da tre 0-0 consecutivi e vuole tornare a far bottino pieno per avvicinarsi ulteriormente a quota 40 punti, rendendo effettiva una salvezza già virtualmente ottenuta. 
La solidità difensiva della squadra di Donadoni (nelle ultime 4 gare, nessun gol subito) induce Mancini a schierare un 4-2-3-1 a trazione offensiva che vede Ljajic, Eder e Perisic agire alle spalle dell’inamovibile Icardi. Dopo soli 11 minuti un infortunio al ginocchio del centravanti argentino obbliga Mancini ad un aggiustamento tattico: si torna al 4-3-3, con l’inserimento di Kondogbia. In avvio l’Inter costruisce un corposo numero di palle gol, senza riuscire però ad insidiare Mirante.  L’occasione più ghiotta della prima frazione la costruiscono però il rossoblu, con un’accelerazione fulminante sull’out di destra di Donsah, che però giunto a tu per tu con Handanovic calcia malamente in tribuna. L’Inter fatica a trovare i spazi nell’alacre ragnatela difensiva bolognese e prova invano a sbloccare la gara con sterili conclusioni da lontano. Nei minuti finali della prima frazione, Miranda devia di tacco una conclusione di Brozovic dando a San Siro l’illusione ottica del gol, che però non arriva. Il primo tempo termina dunque a reti bianche. 
In avvio di ripresa, i nerazzurri peccano di eccessive imprecisioni nella manovra e il Bologna prova a prendere in mano il pallino del match, senza però riuscire a rendersi veramente pericoloso nell’area nerazzurra. Il primo squillo del secondo tempo da parte dei nerazzurri arriva soltanto al 63’ minuto, quando Perisic si rende protagonista di un’azione personale, che si conclude però con una violenta conclusione mancina innocua per Mirante. Sarà proprio il croato con la sua incornata vincente, 8 minuti dopo, a portare in vantaggio l’Inter sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Sempre su palla inattiva, pochi istanti dopo, arriva anche il gol del raddoppio che porta la sigla di Danilo D’Ambrosio, liberato al tiro da un eccellente sponda aerea di un sontuoso Joao Miranda. Proprio quando la partita sembrava chiusa, il Bologna- dopo aver peraltro fallito un’occasione ravvicinata con Rizzo- accorcia le distanze con un gol di Franco Brienza, propiziato da un errore grossolano di Kondogbia in fase di impostazione. 
Nel finale, la formazione emiliana si riversa nella metà campo nerazzurra alla disperata ricerca del gol del pareggio, che però non troverà. 
L’Inter mette dunque in cassaforte 3 punti preziosissimi per la propria corsa al terzo posto. Per i nerazzurri si tratta della quarta vittoria consecutiva in campionato davanti al pubblico del Meazza. Si ferma invece a quota 5 la striscia di risultati consecutivi utili del Bologna.