background

MANCINI: "PENALIZZATI DAGLI EPISODI. AVREMMO DOVUTO CHIUDERLA NEL PRIMO TEMPO"

Pubblicato il 03/04/2016
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A SAN SIRO- Al ritorno dalla sosta nazionali, l’Inter cade a San Siro sotto i colpi del Toro, nello specifico di Molinaro e Belotti. Roberto Mancini, come di consueto, si è intrattenuto con i giornalisti nella sala stampa del Meazza per commentare a caldo il match odierno. Queste le sue parole: “La sconfitta di oggi inevitabilmente complica la nostra corsa al terzo posto, ma dobbiamo continuare a lottare e a crederci. La sfida è stata decisa da determinati episodi sfavorevoli: a partire dal primo giallo a Miranda, che a mio avviso è stato frutto di un’invenzione dell’arbitro, sino ad arrivare al rigore concesso e alla conseguente espulsione di Nagatomo. Nel primo tempo eravamo in totale controllo della gara: abbiamo costruito molto e avremmo dovuto raddoppiare, per poi gestire i ritmi ed amministrare il vantaggio ottenuto. I tifosi vogliono sempre vincere, ed è normale che quando si perde ci siano delle lamentele. La sostituzione di Icardi trova la sua chiave di lettura nel suo periodo di convalescenza appena terminato: era in difficoltà fisica, e l’ho sostituito con l’intenzione di aggiustare l’assetto della squadra. Il primo gol è frutto di errori dei due giocatori che giocano a destra, che a questi livelli non si dovrebbero mai vedere. Oggi abbiamo confermato un limite che abbiamo messo in luce diverse volte già nella parte precedente della stagione: quello di non esser capaci di chiudere partite di cui siamo ampiamente in controllo, per poi rischiare di pareggiarle o perderle. Ritiro? Nel calcio non sempre si può vincere. E’ assurdo pensare che per ogni sconfitta sia necessario andare in ritiro. I ragazzi oggi hanno dato tutto, e la loro ambizione è sempre quella di fare il massimo. Non sempre nel calcio si può vincere, specie quando si verificano così tanti episodi iniqui.”