background

MANCINI: ''VINCERE PER CHIUDERE LA PRATICA QUARTO POSTO''

Pubblicato il 06/05/2016
«Io prossimo allenatore del Psg? È una bufala. Il Paris Saint-Germain ha un allenatore che ha vinto ancora il campionato e altre due coppe». Si apre con una smentita, la conferenza stampa di Roberto Mancini alla vigilia di Inter - Empoli
Ma per queste voci non c’è tempo, si passa subito ad analizzare la gara contro i toscani: «Domani sera dobbiamo vincere e basta. Conta solo quello per chiudere la pratica quarto posto. Non sarà semplice perché loro verranno qui senza nulla da perdere e giocheranno con spensieratezza. A Roma non mi è piaciuto l'atteggiamento iniziale. A volte i ragazzi fanno benissimo, altre volte commettono degli errori, ma fa parte del processo di costruzione di una squadra. La speranza di un allenatore è che le cose vadano alla perfezione, ma questo non può accadere sempre. Qual è la vera Inter? Quella che al momento occupa la quarta posizione in classifica. Avremmo potuto fare di più, ma ci manca ancora qualcosa per avere la giusta continuità, in casa e in trasferta. Non c'è solo una motivazione dietro i nostri risultati, dobbiamo crescere e migliorare come squadra, soprattutto sull'aspetto mentale. Quando si comincia una stagione, si parte sempre per vincere, anche se quest'anno sapevamo che non sarebbe stato semplice. Adesso valutiamo le cose positive e quelle negative, cercando di non ripetere certi errori nella prossima stagione. Se siamo stati in testa per venti giornate vuol dire che qualcosa di buono è stato fatto. Questo è uno degli aspetti positivi, oltre ad aver trovato una base di squadra».  
Il 28 maggio, a San Siro, si giocherà la finale di Champions League«Inter e Milan sono state ai vertici del calcio mondiale e hanno fatto la storia. Adesso vivono un momento di difficoltà e ci vuole un po' di tempo per crescere e ricostruire. Soprattutto nel contesto del calcio italiano, che al momento incontra delle difficoltà rispetto ad altri campionati».
E sul mercato: «Non possiamo dire adesso quanto cambieremo. L'anno scorso abbiamo acquistato diversi giocatori in estate, ma molti dimenticano che ne sono partiti altrettanti. La speranza della società è di trattenere i giocatori migliori per far crescere la squadra. Questo gruppo ha dei valori, dobbiamo solo aggiungere qualcosa, inserendo elementi capaci di innalzare il livello complessivo di qualità e forza. La mia priorità è riportare l'Inter a vincere».
Infine, un ringraziamento ai tifosi: «I nostri tifosi sono sempre rimasti vicini alla squadra, anche nei momenti di difficoltà. Li ringraziamo per il supporto e ci spiace non poter dare loro la possibilità di vedere l'Inter in Champions League nella prossima stagione. Faremo il massimo per tornare a vincere il prima possibile, come merita il nostro club».