background

INTER-SUNING: E' IL GIORNO DELLE FIRME!

Pubblicato il 05/06/2016
Per il passaggio di proprietà dell'Inter al Suning commerce group è tutto pronto a Nanchino, in Cina, dove verranno apposte le firme per sancire l'accordo. Oggi, domenica 5 giugno, sono previsti incontri tra le parti, a pranzo tra le due dirigenze e nel pomeriggio tra i due presidenti, Erick Thohir e Zhang Jindong. Lunedì pomeriggio, orario cinese, probabilmente ci sarà la conferenza stampa d'annuncio all'hotel Sofitel Zhongshan golf resort, di proprietà di Suning.
A quanto sembra la Suning prenderà il 70% delle azioni del club nerazzurro, lasciando a Thohir una minoranza del pacchetto globale e rilevando invece del tutto il 30% in possesso dell'ex patron Massimo Moratti, che quindi lascerebbe definitivamente dopo 21 anni e tanti trofei vinti, tra cui una Champions League. In ogni caso i dettagli dell'accordo si conosceranno nelle primissime ore dopo l'annuncio ufficiale.
Quel che è certo è che se tutto andrà come ormai sembra debba andare l'Inter diverrà una delle società di calcio più ricche al mondo nelle mani del colosso cinese degli elettrodomestici. Per la Beneamata si prospetta un futuro alquanto interessante e piuttosto diverso da quello che sembrava dover essere fino a poche settimane fa. Dal progetto a lunga scadenza di Thohir si passa infatti a quello di Jindong che, senza alcun dubbio, se è pronto a muovere 700 milioni di euro è per vincere subito. Del resto il progetto economico-politico della Cina è chiaro: dominare economicamente con i propri marchi nel mondo.
Nel frattempo Roberto Mancini, confermata la sua presenza in panchina per la prossima stagione, è tornato dalle vacanze e con Ausilio già lavora al calciomercato. Nel mirino, dopo l'arrivo di Banega, altri nomi importanti, tra cui il solito YaYa Tourè, ma ovviamente molto dipenderà dall'evolversi degli eventi. Se Zhang Jindong dovesse diventare subito presidente potrebbe voler portare con se un 'bel' regalo.