background

ALLEGRI: “NON CERCHIAMO SCUSE: LA LAZIO HA MERITATO”

Pubblicato il 13/08/2017
Amarezza sì, ma nessun alibi. Massimiliano Allegri incassa la sconfitta e ammette la superiorità della Lazio sulla sua Juve, senza cercare nessuna scusa. 
Indipendentemente dal gol alla fine in cui siamo stati polli noi, la Lazio ha meritato la vittoria – dice il tecnico dopo la partita - Ha giocato meglio e combattuto di più, noi fino a trenta minuti dalla fine non abbiamo giocato e questo ci deve far riflettere e ci deve riportare con i piedi per terra. Vincere non è semplice e bisogna rimettere tutto in discussione – aggiunge - Loro andavano più forte, poi sono calati e noi li abbiamo messi lì. Indipendentemente dal fatto che potevamo andare ai supplementari, la Lazio ha meritato”.
Il tecnico sembra arrabbiato e analizza lucidamente la prestazione e la condizione dei suoi: “Dispiace perdere, dispiace perdere così – continua il tecnico bianconero - I giocatori fisicamente sono in difficoltà, abbiamo cominciato tardi la preparazione, abbiamo lavorato molto. Non cerchiamo però scusanti. Sarà un'annata difficile. Le sconfitte fanno bene, bisogna lavorare con equilibrio perché la stagione è appena cominciata. Dybala? La prestazione del secondo tempo si, nel primo non siamo stati tutti all’altezza. Costa? È entrato subito bene, ha cominciato a puntare, dovevamo farlo anche nel primo parziale”.
 
Autore di una doppietta che non è bastata per portare a casa il trofeo, Paulo Dybala commenta così la sua prima gara col numero 10: “La Lazio ha meritato. Non dobbiamo pensare all'ultima giocata, ma quella è un po' l'emblema di tutta la partita. Loro erano sorpresi dopo il 2-2. Ai supplementari mentalmente avremmo avuto più chance. Ma non cambia il giudizio della partita. Abbiamo pareggiato grazie a due piazzati, non abbiamo fatto granché per meritare”. Sul futuro la Joya aggiunge: "Sono felicissimo qui. Ho rinnovato tre mesi fa, la società mi ha chiesto di prendere il 10, ci ho pensato due giorni e ho detto perché no? Voglio crescere qui, se il presidente vuole rimarrò qui per sempre”.