background

ALLEGRI: “SARA’ UN CAMPIONATO AVVINCENTE”

Pubblicato il 19/08/2017
La Juventus apre il campionato con una vittoria importante contro il Cagliari. Massimiliano Allegri è soddisfatto della prestazione dei suoi, sa che la loro condizione non è ancora ottimale ma ha molta fiducia nel suo gruppo.
I ragazzi sono stati bravi, è sempre difficile vincere al’inizio del campionato – commenta il tecnico bianconero ai microfoni di Sky – In questa fase infatti manca brillantezza e poi avevamo perso domenica la Supercoppa con la Lazio. Nel primo tempo il Cagliari si è reso pericoloso ma è normale perché non c’è ancora la condizione ottimale. Comunque possiamo difendere tranquillamente come abbiamo fatto nella ripresa, in cui li abbiamo lasciati in una zona del campo dove non potevano rendersi pericolosi”.
Sono stati i bianconeri a subire il primo verdetto del VAR ma nonostante il supporto tecnologico,  Allegri non cambia la sua filosofia: “Non commento la decisione dell’arbitro: non lo facevo prima del VAR e non lo farò di certo adesso. Quel minuto che intercorre prima delle decisione dell’arbitro dovrà essere sfruttato come il timeout del basket per dare indicazioni. Bisogna adattarsi, non ero preparato e oggi non ne ho approfittato in questo senso”.
Il tecnico poi commenta l’esordio di Douglas Costa. “Lui è bravo a dare ampiezza, si prede tutto il campo tra le linee, è micidiale nei controlli e ha un’accelerazione straordinaria -  spiega - Ha molto talento e tecnica, farà grandi cose quando conoscerà bene i compagni e si sarà ambientato. Dal punto di vista del modulo siamo ripartiti come l’anno scorso ma sta tutto a come ci si muove dentro al campo, bisogna avere una buona lettura delle varie situazioni di gioco. Dobbiamo stare attenti a non creare mai linee piatte nel campo quando siamo in possesso palla”.
Infine, Allegri individua quelle che a suo parere saranno le dirette antagoniste della Juve: “Il Napoli è la squadra che ha cambiato meno. L’anno scorso ha registrato il suo record di punti, 86, mentre la Roma ha toccato quota 87. Il Milan è quella che si è mossa di più sul mercato, mentre l’Inter può contare su un allenatore importante. Sarà un campionato avvincente, sarà una delle cinque a portare a casa la vittoria alla fine”.