background

ALLEGRI: “IMPORTANTE VINCERE PRIMA DELLA SOSTA. LA CHAMPIONS? CI PENSEREMO PIU’ AVANTI”

Pubblicato il 25/08/2017
Alla vigilia della delicata trasferta di domani, Massimiliano Allegri parla del Genoa, del sorteggio di ieri che ha decretato i gironi della prossima Champions League e del momento della sua Juventus.
Dobbiamo vincere e non sarà facile perché la Juve al Marassi ha sempre fatto fatica – esordisce il tecnico bianconero in conferenza stampa - lo scorso hanno abbiamo preso tre gol in meno di mezz’ora e perso meritatamente. Il Genoa in casa è squadra molto diversa ma noi non dobbiamo farci trovare impreparati. È importante vincere prima della sosta. Asamoah non è convocato, sta facendo delle valutazioni insieme alla società. A centrocampo altri arrivi? Io chiedere non chiedo. Claudio torna tra un mese, in quel reparto ho giocatori in abbondanza. Siamo questi, al mercato ci pensa la società, noi pensiamo al Genoa. Difensore? In questo momento non ha senso parlare di mercato”.
E parlando dell’infortunio di Marchisio, Allegri ammette: “Spiace per Claudio si stava riprendendo, ha bisogno di un mese, mancano dei valori di forza sulla gamba, tra un mese vedremo le sue condizioni, spiace non averlo a disposizione”.
In merito agli undici che scenderanno in campo domani a Genova, il tecnico fornisce come da tradizione poche indicazioni: “Douglas Costa devo decidere se inizia o no. Si sta integrando e sta smaltendo i carichi di lavoro, come Matuidi e Bentancur, migliorano anche Bernardeschi e De Sciglio. Rugani ha tante chances domani, per lui sarà un anno importante, potrà giocare tante partite – continua - Alex Sandro c’è, l’alternativa a sinistra è De Sciglio visto che Asamoah non è convocato. Giocheremo con i due a centrocampo, a volte con i tre. A volte con tre e mezzo, dipende dai momenti dalla stagione e dalle condizioni dei giocatori. La cosa importante è avere soluzioni diverse. Anche la difesa a tre: non escludo nulla. Domani intanto giocheranno a quattro, per il centrocampo devo ancora sciogliere dei dubbi”.
Se non si preoccupa del centrocampo, nonostante lo stop forzato di Marchisio, Allegri non sembra nemmeno particolarmente impensierito dal Barcellona, uno degli avversari del girone di Champions. “Non mi preoccupa il girone perché il sorteggio è quello – spiega - Quelle dobbiamo affrontare e con quelle dobbiamo fare punti. Dalle palline che vengono fuori, prendo sempre il Barcellona. Non so perché ma è una bella sfida e affascinante. Non saranno semplici le trasferte di Atene e Lisbona. Ma comunque ci penseremo più avanti”.
Infine, il tecnico bianconero ribadisce quali sono, a suo parere, le squadre che quest’anno si contenderanno il campionato. “Se dico che i rossoneri sono favoriti mi rispondono che la favorita è la Juve – conclude - Quindi diciamo che Milan, Inter, Napoli, Roma e Juve sono le cinque che lotteranno per i primi quattro posti. I rossoneri hanno fatto un mercato importante, con ottimi giocatori, si candidano per i vertici, è un bene per il calcio italiano come per l’Inter”.