background

ALLEGRI: “DYBALA CONTINUERA’ A TIRARE I RIGORI. MA CI VUOLE CATTIVERIA”

Pubblicato il 14/10/2017
Batosta amara per la Juventus che, dopo il pareggio con l’Atalanta, viene fermata dalla Lazio che lascia vittoriosa Torino.
Massimiliano Allegri manda giù il rospo, e deve anche sopportare il rigore sbagliato nell’ultimo secondo da Dybala. Il tecnico però analizza la gara con la solita lucidità e sottolinea quello che è andato storto con la squadra di Inzaghi. 
Dobbiamo lavorare sui cali di concentrazione, le avvisaglie c’erano già state a Bergamo, col Sassuolo e col Torino – dice Allegri ai microfoni di Premium Sport - Abbiamo pagato caro un momento di disattenzione, abbiamo lasciato 5 punti per strada in due partite. Non abbiamo ancora capito che per vincere il campionato bisogna combattere e fare fatica tutti i giorni. Abbiamo lottato ma a tratti, e in altri siamo stati troppo leggeri poi i ragazzi sono straordinari e hanno dato tutto come sempre – prosegue - Abbiamo trovato una buona Lazio, dopo la sosta era la squadra peggiore da affrontare. Qualche giocatore è arrivato stanco, qualcuno è infortunato ma queste non sono scuse. Il campionato comunque è ancora lungo”.
Il tecnico poi commenta il secondo errore dal dischetto di Dybala ma non mostra particolare apprensione: “Continuerà a tirare i rigori anche se deve farlo con più cattiveria. Deve stare sereno, nel calcio ci sono questi momenti che vanno affrontati tranquillamente e con la giusta cattiveria agonistica. È rientrato giovedì e ha fatto mezzo allenamento ieri, ecco perché è partito dalla panchina”.
Infine, Allegri parla delle prestazioni di alcuni singoli e accenna al match di stasera tra Roma e Napoli. “Higuain ha fatto una buona partita, è stato bravo e sfortunato in alcune situazioni – spiega - Douglas Costa ha fatto bene in alcune cose e male in altre, ha bisogno di conoscere i compagni e ambientarsi al calcio italiano ma ha fatto meglio di altre volte. Chi tiferò tra Roma e Napoli? Il campionato è lungo, non tifo per nessuna, noi dobbiamo pensare alla gara di Champions che sarà molto importante per la qualificazione”.