background

ALLEGRI: “PER FORTUNA HIGUAIN GIOCA CON NOI…”

Pubblicato il 28/10/2017
Può gioire Massimiliano Allegri. Nella serata di San Siro, il tecnico vede i suoi conquistare tre punti importanti e il ritorno del migliore Higuain. Del resto, Allegri lo aveva detto fino alla sfinimento che il Pipita non sarebbe mai stato un problema. 
Higuain doveva solo trovare la condizione migliore, ha fatto una partita bellissima – commenta il tecnico ai microfoni di Premium Sport – Si è allenato bene dopo la sosta, ora però non si deve fermare: questo deve essere un punto di partenza. È uno dei centravanti migliori al mondo e per fortuna gioca con noi”.
Poi, passa all’analisi della partita: “La squadra ha gestito bene la palla, abbiamo fatto qualche errore tecnico ma nel complesso i ragazzi sono stati veramente bravi. Dovevamo fare una prova di forza per la tradizione del match, per la rivalità tra i due club e poi perché giocare a San Siro è sempre difficile. Abbiamo fatto una grande fase difensiva, abbiamo subito solo su quel tiro di Kalinic a fine primo tempo. I primi dieci minuti eravamo poco reattivi mentre il Milan è stato bravo a pressarci alto – aggiunge - Poi la squadra ha preso le misure giuste e il match è cambiato. Se giochiamo così anche martedì ci sono buone possibilità di vincere. Ma sarà una sfida diversa”.
Infine il tecnico commenta le prestazioni di Dybala e Pjanic. “Paulo ha solo bisogno di allenamento, ma si fa un po' di fatica con questo calendario - spiega - Oggi ha sbagliato qualche pallone di troppo e mi ha fatto arrabbiare: uno come lui dovrebbe sbagliare un solo pallone a partita. Non deve giocare troppo corto”.
 
È tornato a fare quello che i tifosi e la squadra si aspetta da lui: gol pesanti e decisivi. A San Siro, Gonzalo Higuain segna una doppietta che gli permette, tra l’altro, di raggiungere quota 101 gol in Serie A. “Sono lo stesso giocatore di prima, anche dopo aver segnato 101 gol – commenta l’attaccante argentino - Quando mi hanno annullato il gol con la Spal avevamo detto che il destino era farlo a San Siro. Io non ascolto le critiche o gli elogi. Provo sempre a essere lo stesso, sono felice per la partita e per il grande sforzo della squadra. Non rispondo mai a chi mi critica, voglio solo aiutare la squadra e questi gol sono per tutti quelli che hanno sempre creduto in me, ma non per gli altri. Siamo forti e quando giochiamo così è difficile batterci. Non abbiamo subito gol e questo era importantissimo. Vittoria per lo scudetto? Il campionato è ancora lungo, ovviamente lo scudetto è uno degli obiettivi della stagione  – conclude - Abbiamo giocato concentrati per 90 minuti, forse abbiamo sbagliato qualcosa, come in occasione della traversa alla fine del primo tempo, ma credo che la squadra abbia fatto un grandissimo sforzo”.