background

IL CROTONE REGGE UN TEMPO POI LA JUVE CALA IL TRIS

Pubblicato il 26/11/2017
Alla Juventus serve tutto il primo tempo e qualche minuto del secondo per abbattere il muro del Crotone. La squadra di Allegri prende subito in mano il pallino del gioco, fa possesso palla, imposta ma la resistenza orgogliosa dei calabresi non fa spostare il risultato. Sembra quasi che la serata possa trasformarsi in un incubo ma Mandzukic la sblocca con un bel colpo di testa, poi la chiude De Sciglio con un siluro che rischia di bucare la rete di Cordaz. Benatia con il più semplice dei tocchi aggiunge il suo nome alle marcature e la Juve può così mantenere invariata la distanza da Napoli e Inter. 
 
FORMAZIONE – Allegri opta per 3-4-2-1. Buffon in porta, in difesa trovano spazio Howedes, all'esordio con la maglia bianconera, Benatia e Barzagli, Marchisio e Matuidi a centrocampo, in attacco Dybala e Douglas Costa vanno sulla trequarti, a supporto di Mandzukic. 
 
PRIMO TEMPO – I bianconeri fanno capire subito come vogliono improntare la partita, aggredendo sin dalle prime battute. Matuidi, servito da Douglas Costa, si porta nel cuore dell’area ma la sua conclusione non inquadra lo specchio nonostante la posizione favorevole.
Il possesso palla della Juve costringe la squadra di Nicola a stare bassa e ben chiusa nella propria trequarti. Con il passare dei minuti il Crotone prende le misure e rende meno pericolosi gli avversari. 
Douglas Costa ruba palla e si porta in area, il suo diagonale viene ribattuto dalla difesa avversaria. Il brasiliano si ritrova la palla tra i piedi e crossa per Matuidi che ci prova di testa mandando però sul fondo. Poi è Cordaz a salvare i suoi sull’improvvisa conclusione di Alex Sandro dal limite dell’area.
Servono 40 minuti al Crotone per avvicinarsi alla porta di Buffon ma il tiro di Tonev finisce di lato alla rete.
Quando riesce a liberarsi di Ajeti e Ceccherini, Mandzukic prova a mandare di testa sul primo palo il cross di prima di Barzagli ma la palla non trova lo specchio.
 
SECONDO TEMPO – La squadra di Allegri torna dagli spogliatoi determinata a sbloccare il risultato ma la pressione dei difensori del Crotone sul portatore di palla complica la manovra.
Mandzukic riesce a portare in vantaggio i suoi al 52’ con un colpo di testa, sul cross di Barzagli, che prende controtempo Cordaz. 
Mentre i bianconeri cercano il raddoppio, De Sciglio prende il posto di un acciaccato Lichtsteiner.  Ed è proprio l’ex giocatore del Milan a segnare il 2-0 al 60’ sugli sviluppi di un corner con una gran botta di destro sul pallone respinto da Pavlovic. Per De Sciglio arriva il primo gol della sua carriera da professionista.
Sul settimo calcio d’angolo, la Juve al 71’ cala il tris con Benatia che a due passi dalla porta si trova tra i piedi il cross di Pjanic e la butta dentro facilmente. 
Buffon si trova impegnato per la prima volta nel match sul tiro di Budimir che respinge senza troppi problemi. 
Il match è ormai chiuso, la Juve continua comunque a pressare mentre i calabresi sembrano non vedere l’ora che arrivi il triplice fischio dell’arbitro.