background

ALLEGRI: “LA FAVORITA PER LO SCUDETTO? E' SEMPRE IL NAPOLI”

Pubblicato il 01/12/2017
Lasciare il San Paolo con tre punti importanti, firmati da un gol di Gonzalo Higuain. Quella di Massimiliano Allegri sembra essere la serata perfetta, soprattutto considerato anche che fino all’ultimo momento la presenza del Pipita è stata incerta.
La Juve conquista la vittoria su un campo difficilissimo, contro la prima in classifica che adesso dista solo una lunghezza.
Era un gran bel test per noi. Abbiamo fatto bene, lasciando a loro nel secondo tempo il possesso palla, ma senza permettere che creassero molto – commenta il tecnico bianconero ai microfoni di Premium – Serviva una vittoria così, vinta con fame. E senza prendere gol. Perché è vero, si è parlato di una squadra più offensiva e bella ma poi queste partite si vincono se non si subisce dietro. Adesso testa subito a martedì: contro l'Olympiacos ci giochiamo il passaggio in Champions e non possiamo fallire”.
Allegri poi si complimenta con i suoi e parla della decisione di schierare Higuain e della prestazione di Douglas Costa. “Non ho fatto pre-tattica riguardo la presenza di Gonzalo. Non avrebbe giocato dall'inizio, poi si è infortunato Mandzukic e quindi l'ho lanciato. Il brasiliano invece è un giocatore straordinario ed è in ottima condizione – prosegue - tecnicamente fa delle cose magiche. Sono soddisfatto della prestazione dei miei, ma in alcune circostanze dobbiamo avere più personalità e meno timore”.
L’obiettivo del settimo scudetto consecutivo non è stato messo da parte ma il tecnico è consapevole che serve qualcosa in più rispetto agli altri anni, in cui la Juve ha scritto la storia: “La Juve ha dei giocatori straordinari e stasera l'ha dimostrato. Ma noi, per superare la leggenda, dobbiamo fare cose non normali. Perché negli ultimi anni abbiamo già fatto delle cose incredibili”. Allegri però non perde occasione per ribadire che i favoriti non sono i bianconeri ma gli uomini di Sarri: “Loro sono la squadra più accreditata – conclude - Perché giocano un gran calcio e hanno ancora un punto di vantaggio”.