background

ALLEGRI: “A LONDRA PARTITA SECCA MA NOI ABBIAMO LE CARTE IN REGOLA”

Pubblicato il 13/02/2018
Massimiliano Allegri lo aveva predetto: il passaggio del turno si sarebbe deciso a Londra. Il match con il Tottenham, però, lascia un po’ di amaro in bocca alla Vecchia Signora che, dopo soli dieci minuti, si era trovata con un doppio vantaggio grazie ad Higuain.
Il tecnico bianconero però non si abbatte: è consapevole delle qualità dei suoi uomini e sa che daranno il massimo per passare ai quarti. 
“È stata una bella partita, siamo andati in vantaggio poi abbiamo subito il loro ritorno anche perché hanno fatto una buona pressione – commenta Allegri ai microfoni di Premium Sport - Loro hanno avuto l’occasione per il 2-1 e Buffon ha fatto un grande parata, noi poi abbiamo avuto l’occasione del 3-0, poi hanno segnato loro e poi c’è stato il rigore. Contro il Tottenham è normale andare un po’ in difficoltà, dopo il 2-0 abbiamo smesso di giocare, ci siamo abbassati troppo e dobbiamo migliorare sotto quell’aspetto – prosegue - Però era un ottavo di Champions League, dispiace per il pareggio ma abbiamo tutte le carte in regola per andare a Londra per vincere quella che sarà una partita secca. Ci siamo abbassati molto nel primo tempo, nella ripresa invece con Mandzukic e Douglas Costa più vicini a Higuain ci siamo coperti meglio. Questa è l’unica cosa della gara che potevamo fare meglio. Poi il calcio è strano, a volte ti dà a volte ti toglie”.
Allegri non è sorpreso della prestazione degli inglesi, sa che al ritorno con molta probabilità avrà recuperato Dybala e Matuidi (la cui assenza a centrocampo stasera si è fatta sentire più che mai) ma adesso vuole che la testa sia solo per la partita di campionato di domenica, quando i bianconeri giocheranno il derby in casa del Torino. “Non sono sorpreso dalla prestazione del Tottenham, so che è una squadra molto fisica e molto tecnica – spiega - Noi abbiamo avuto un buon impatto e loro nel primo tempo non hanno creato tanto. Hanno fatto gol su una palla persa in uscita dove sono formidabili. Dybala e Matuidi saranno disponibili per il ritorno ma ora noi dobbiamo pensare al campionato. Domenica c’è il Torino, la Champions tornerà tra un mese, sono contento di quello che hanno fatto i ragazzi – conclude il tecnico - Non pensavo di poter ‘uccidere’ il Tottenham già all’andata”.