background

INZAGHI: "SODDISFATTO, MA DOVEVAMO SEGNARE PRIMA. IL 3-5-2? VALUTEREMO DI VOLTA IN VOLTA"

Pubblicato il 17/09/2016
 Può essere soddisfatto Simone Inzaghi, la sua Lazio nel complesso ha girato bene e ha battuto un avversario potenzialmente insidioso come il Pescara. Il mister al termine del match analizza l'incontro in conferenza stampa: "Avremmo dovuto segnare prima, Bizzarri si ritrovava sempre la palla tra i guantoni. Un'altra volta abbiamo preso il palo esterno con Immobile, poi Parolo un gol così penso che non l'abbia mai sbagliato in carriera. Capita, ma dovevamo essere più cattivi sotto porta. Poi su un cross loro una tua disattenzione causa il calcio di rigore per il Pescara e magari lì la partita può cambiare, però sono molto contento per la squadra. Si è vista una buona Lazio dall'entrata di Keita in poi? No, avete visto male, si è vista per 90 minuti una buona Lazio. Keita è entrato molto bene e ha fatto la differenza, come è andato bene anche Djordjevic. Non sono d'accordo sul primo tempo, perchè avremmo dovuto essere già in vantaggio. Avevamo lo spirito e la cattiveria necessaria per una partita del genere." Su Felipe Anderson e il 3-5-2: "Felipe ha fatto un'ottima gara, è stato bravo a interpretare una gara non semplice. In 4 giorni abbiamo cambiato il modulo in base alle caratteristiche del Pescara, che nelle scorse partite aveva messo in difficoltà Napoli e Sassuolo che giocavano con il 4-3-3, quindi secondo me bisognava cambiare qualcosa. Ho trovato grandissima disponibilità da parte dei ragazzi. Penso che una squadra debba essere matura per poter cambiare sistema di gioco, come un allenatore non deve essere testardo e deve adeguarsi ai giocatori. In settimana avevo visto Immobile e Djordjevic molto bene e quindi ho optato per questa soluzione." La Lazio del secondo tempo è stata migliore di quella del primo: "E' vero, ma a me la Lazio è piaciuta fin dal primo minuto perchè ha fatto una partita aggressiva senza far giocare mai il Pescara. Il rigore era evitabile. Arbitraggio severo contro la Lazio? Penso di sì, è difficile che ti fischino un rigore contro così all'Olimpico." Sulla mancanza di cattiveria sotto porta e sulla vittoria a Milano che manca da 27 anni: "Sono pienamente d'accordo che dovevamo essere più cattivi davanti e segnare prima, cosa vai a dire poi se vai sotto? La vittoria a Milan manca da tantissimo tempo, speriamo possa arrivare martedì prossimo." A segno un difensore, un centrocampista ed un attaccante: "Questa è una Lazio che sta bene. Giocatori come Djordjevic e Cataldi che avevano giocato poco fin'ora hanno fatto bene e meritato di scendere in campo per quanto fatto in allenamento, sono contentissimo per loro perchè hanno fatto due ottime prove. Il centrocampo a 5 per sfruttare di più Milinkovic? C'è anche questa opzione, di volta in volta valuteremo. Vedremo che tipo di avversari affronteremo ma soprattutto come staranno i miei giocatori." L'ultima battuta su Biglia: "Vedremo tra domenica e lunedì se riuscirà a recuperare per il Milan."