background

INZAGHI SI SFOGA: "AL DERBY TANTI EPISODI CHE HANNO INDIRIZZATO LA PARTITA, VOGLIAMO PIU' ATTENZIONE. SAMP? SERVIRA' INTENSITA'"

Pubblicato il 09/12/2016
 Non sarà stata di certo la settimana più tranquilla e serena per Inzaghi e i suoi ragazzi, dopo l'amara sconfitta del derby e i fastidiosi strascichi del post match. Ma ora per la Lazio è già tempo di rialzare la testa e pensare alla Sampdoria, la trasferta di domani sera del Marassi non sarà di certo una passeggiata. Il mister biancoceleste, intervenuto come di consueto alla conferenza stampa della vigilia a Formello, presenta la sfida contro i blucerchiati e ripercorre anche alcuni temi ancora caldi riguardanti il derby: "Mi dispiace tantissimo per i nostri tifosi perchè so quanto tenevano a questa partita. E' arrivata una sconfitta per demeriti nostri perchè sicuramente abbiamo favorito la Roma con degli errori individuali grandissimi. Poi se andiamo a vedere gli episodi, ci si fa tante domande. Le immagini sono sotto gli occhi di tutti, sono episodi netti che hanno indirizzato la gara. Ho chiesto ai ragazzi di rialzare subito la testa, so che il derby è una partita particolare che potrebbe lasciare qualche strascico. Ho visto una squadra che ha capito che non si possono commettere errori del genere in certe partite. E' da mercoledì però che pensiamo totalmente alla Sampdoria, un avversario in salute e molto organizzato. Se a Marassi sarà decisiva per le nostre ambizioni? Dispiace per il derby per la nostra gente che ci ha sostenuto per 90 minuti. Domani è importante, abbiamo 28 punti dopo 15 giornate e molti non se lo aspettavano. Io invece ci speravo e sono contento di averli fatti. Contro la Samp sarà una partita delicata come le altre due prima della sosta. Avremo Sampdoria, Fiorentina ed Inter, tre gare toste che dovremo cercare di fare nel migliore dei modi." In settimana in rete è girato un video in cui sembrava che il quarto uomo esultasse per il gol della Roma: "Vorrei parlare della Sampdoria. Come ho detto, ci abbiamo messo del nostro, ma gli episodi sono chiari a tutti: parlo dell'ammonizione di Biglia dopo 25 minuti quando era stato concesso un rigore inesistente, e con l'ammonizione addosso Lucas non è stato più quello della prima mezz'ora che aveva disputato benissimo; parlo dell'espulsione di Strootman che doveva esserci nell'episodio con Cataldi, poi dopo tre minuti una palla rimbalza nettamente sul braccio dello stesso Strootman già ammonito ed era un rigore netto, ma l'arbitro a tre metri fa proseguire. Questi sono episodi netti a nostro sfavore, chiediamo più attenzione. Non deve essere un alibi perchè il derby l'abbiamo perso per errori nostri, ma nel corso della partita sono stati commessi degli errori arbitrali che senz'altro hanno indirizzato la gara. Bruno Peres è scivolato e mi è stato ammonito Biglia, il rigore non concesso sull'1-0 per loro con annessa espulsione di Strootman e avremmo potuto fare l'1-1 e probabilmente sarebbe cambiata la partita. E' stato espulso Cataldi e mi è stato tolto un cambio quando invece nessuno ha visto niente riguardo Strootman. Le colpe per aver perso il derby sono nostre, ma chiediamo più attenzione. Marchetti? Sta bene ed è il nostro portiere titolare." Adesso però si deve ripartire: "Contro la Roma abbiamo fatto 60 minuti senza concedere un tiro in porta a loro. Poi c'è stato l'episodio del primo gol e forse lì mi sarei aspettato una reazione migliore, c'era ancora mezz'ora da giocare. Subito dopo il primo gol è successo quel caos con Cataldi, però una squadra come la nostra ha il dovere di fare qualcosa a mezz'ora dalla fine. Altre volte era capitato di andare sotto e abbiamo sempre reagito, mi sarei aspettato di più. So però che son successe tante cose e che era una partita importantissima. I primi 60 minuti sono stati molto buoni senza concedere nulla alla Roma. Se possiamo ancora lottare per le prime posizioni? Abbiamo il dovere e l'obbligo di rimanere lassù. La Juventus, la Roma ed il Napoli sono state costruite per altri obiettivi, ma noi abbiamo dimostrato di poter far parte di questo gruppo in 15 giornate e abbiamo il compito di rimanerci. Questa settimana ho visto i ragazzi concentrati, faremo una buona gara domani." Nel derby la Lazio ha peccato di furbizia e malizia: "Abbiamo commesso errori imperdonabili e ci sono stati episodi che ci hanno danneggiato, mi fermo qua. Ora voglio parlare solo della partita di domani, abbiamo il dovere di lasciarci questo derby alle spalle. Domani andremo in un campo difficile con tanto pubblico e loro sono in un buon momento. Wallace confermato? Penso di sì, anche se ho provato anche soluzioni alternative. I ragazzi hanno recuperato abbastanza bene, a parte Patric che ha avuto un problemino nell'ultima parte di allenamento e non farà parte dei convocati. Keita? Ha saltato i primi 2/3 allenamenti, sta meglio. Si è allenato bene ieri ed oggi, poi insieme a lui faremo una valutazione e vedremo se sarà il caso di schierarlo dall'inizio o a partita in corso. Ci penserò e domani deciderò." Per motivi diversi, Wallace e Lulic sono i due giocatori che sono usciti peggio dal derby: "Le mie considerazioni per chi schierare in campo nascono dal momento in cui vedo i ragazzi durante la settimana. Ho qualche dubbio e me lo porterò come sempre fino a domani mattina. Wallace e Lulic hanno disputato ottimi allenamenti e sono disponibili per giocare." Sulla mancata reazione al derby dopo lo svantaggio: "Eravamo andati sotto anche col Torino e abbiamo reagito alla grande. Con il Milan era la quarta di campionato, ora siamo alla quindicesima. Avremmo dovuto reagire invece ci siamo abbassati e abbiamo subito tantissimo il contraccolpo psicologico perchè secondo me non pensavamo di poter subire gol. Nonostante la Roma, rispetto al primo tempo, sembrava più dentro la partita, non ci aveva messo in difficoltà se non con il colpo di testa di Dzeko. C'era ancora da giocare una buona mezz'ora più recupero, se il recupero lo avessero dato perchè hanno concesso solo 4 minuti quando ci sono stati 6 cambi e dopo il loro primo gol penso che la partita sia stata ferma per almeno 4 minuti." In chiusura, un commento sulla Sampdoria che soprattutto in casa sta facendo benissimo: "Sarà una partita intensa, ci sarà pubblico e loro sono in serie positiva. Noi dovremo cercare di essere intensi e fare la partita come l'abbiamo preparata. Ci vorrà tanto agonismo su un campo che agevola le partite molto intense."