background

IL MILAN VINCE A BOLOGNA E SPERA ANCORA NELL'EUROPA LEAGUE

Pubblicato il 07/05/2016
 Il Milan supera nuovamente il Sassuolo in classifica e prova a mantenere viva la rincorsa alla Uefa.  In attesa della partita dei Toscani contro il Frosinone i rossoneri si riprendono il sesto posto a tre punti dalla Fiorentina. Torna a sorride Brocchi che non vinceva una partita dal 2 a 1 sull'Atalanta di quattro giornate fa. Sorrisi amari per come sono arrivati i tre punti infatti la squadra continua a non avere una propria identità e per buona gara della gara è stato messo in difficoltà dal Bologna, che meritava, forse, ben più della sconfitta.

La partita sarà condizionata per buona parte dall'arbitro Doveri di Roma e che i favori non siano per la squadra di casa si intuisce dalle prime battute dell'incontro. Passano 5 minuti dal fischio dell'inizio del primo tempo che Romagnoli strattona per la maglia Floccari in area di rigore. Per la terna arbitrale è tutto regolare è a nulla servono le proteste dei giocatori del Bologna. Passano altri 5 minuti e gli emiliani perdono un uomo. Diawara, non in serata positiva, pochi minuti dopo un cartellino giallo per un diverbio avuto con Mauri, si procura il secondo giallo entrando in maniera scomposta su Montolivo. Il rosso potrebbe essere un'ottima spinta per gli uomini di Brocchi ma è il Bologna a tenere le redini del gioco. Il primo tempo dimostra come, neanche in 11 contro 10, per il Milan sia semplice ottenere il vantaggio. La rete arriva sullo scadere della prima frazione grazie ad un intervento scomposto di Da Costa che frana su Luiz Adriano lanciato verso la porta. Sul dischetto del rigore va il solito Bacca (uomo-gol della squadra) che con freddezza supera l'estremo difensore. Milan in vantaggio e primo tempo archiviato sull'1 a 0.

Se il primo tempo non è stato dei più esaltanti, il secondo non è da meno. Il vantaggio della rete e dell'uomo non sembrano dare lustro ai rossoneri che più volte vengono messi in crisi dai padroni di casa. Azioni lente, passaggi imprecisi e gioco che ristagna a centrocampo. La partita è vissuta sugli sprazzi delle azioni personali dei giocatori in campo. Il Bologna vuole comunque onorare l'ultima partita di campionato, di questa stagione,  nelle mura amiche con un buon risultato ma non è la serata giusta. Al 90° Masina dona l'illusone del pareggio ma l'arbitro interviene per un fuorigioco giustamente segnalato. Il Milan riesce cosi a strappare i tre punti ma è costretta ad uscire dal campo tra gli applausi ironici del Dall'ara dei tifosi bolognesi e dei suoi stessi tifosi per nulla soddisfatti della partita.