background

NAPOLI, ANCORA K.O.

Pubblicato il 18/02/2016
Al Madrigal va in scena la gara tra Villareal e Napoli valida per i sedicesimi di Europa League. Stasera i partenopei cercano di dimenticare la sconfitta rimediata contro la Juventus in Campionato ma la ferita è ancora aperta e brucia molto e le ripercussioni si fanno sentire anche in Europa.
 
PRIMO TEMPO – Marcelino schiera un 4 – 4 – 2 (per contenere le incursioni dell’attacco degli avversari) con Baptistao e Soldado davanti; a centrocampo invece vanno Dos Santos, Bruno, Trigueros e Suarez. Sarri si affida al solito 4 – 3 -3 e, costretto al turnover, in attacco vanno Gabbiadini, Callejon e Mertens. La gara parte subito bene per i padroni di casa tanto che, al 6’, Soldado calcia forte dal limite dell’area ma Reina, che gli aveva praticamente regalato la palla, rimedia all’errore commesso in precedenza. Alla mezz’ora il risultato è ancora fermo sullo 0 a 0 ma il Napoli è più spregiudicato e mette paura all’avversario in più occasioni, soprattutto con Gabbiadini e Callejon. I primi 45’ si chiudono così, senza infamia e senza lode da parte di entrambe le squadre; una partita che fin qui, non ha regalato troppe emozioni. 
 
SECONDO TEMPO – La seconda frazione di gioco si apre precisamente come la prima, ovvero con le due squadre molto equilibrate che si studiano. Al 61’ però il Napoli ha un guizzo con Callejon che calcia potente dalla distanza ma non indovina lo specchio della porta. La risposta del Villareal arriva dopo qualche minuto (al 67’) con Bakambu ma anche lui, manda la palla di poco fuori. In questo secondo tempo sicuramente c’è più Villareal che Napoli e infatti, la squadra di Marcelino viene premiata all’82’ grazie ad un gol di Denis Suarez che calcia una punizione perfetta e spiazza Reina: un tiro al bacio, con la palla che si va ad insaccare alle spalle del portiere. All’88’ c’è la timida risposta degli ospiti con Insigne che sfiora la traversa. Negli ultimi minuti di gioco il Napoli si risveglia ma lo fa troppo tardi, quando la partita è ormai finita.
 
Brutta prestazione quella dei partenopei che non entrano mai veramente in partita. Sarà per il turnover o per la delusione che si fa ancora sentire per la sconfitta contro i bianconeri, fatto sta che la permanenza in Europa League si deciderà nella gara di ritorno al San Paolo dove non saranno ammessi passi falsi.