background

NAPOLI - MILAN, UN PAREGGIO A VANTAGGIO DELLA JUVE

Pubblicato il 22/02/2016
Redazione
Federico Classetti

 Il Milan ferma in casa sul pareggio il Napoli di Sarri. La squadra partenopea non va oltre l uno a uno e fallisce l'aggancio alla vetta. Terzo passo falso nelle ultime tre partite per il Napoli, sconfitto anche  in casa della vecchia signora e in Europa League. Soddisfazione in casa Milan, che continua la sua personale striscia di risultati utili. Otto sono le partite nel quali ha ottenuto punti dal pari contro la Roma ad inizio anno. Soddisfazione maggiore per aver retto l'impatto di un San Paolo gremito e pronto al sorpasso.

Le due formazioni si schierano con gli uomini migliori. 442 per Mihajlovic, che sembra aver trovato la quadratura del cerchio con questo modulo e 433 per Sarri con il tridente delle meraviglie Callejon, Insigne, Higuain.

La partita parte con l'offensiva del Napoli che prova a chiudere nella sua metà campo il Diavolo. Diavolo che fa dell'attesa la sua arma migliore per poi ripartire con la velocità di Niang. La prima parte di gara è un monologo azzurro con Donnarumma costretto a fare gli straordinari sulle frecce partenopee. Al 39° il vantaggio dei padroni di casa. Insigne prova un tiro fa fuori area che trova sulla sua strada Abate, la deviazione del difensore è fondamentale per spiazzare il portiere rossonero. Uno a zero. Il Napoli non ha il tempo di festeggiare che 5 minuti dopo Bonaventura raccoglie un cross di Honda e infila Reina sul primo palo. Pareggio in extremis e squadre negli spogliatoi.

La ripresa è una copia del primo tempo. Il Napoli spinge per ottenere il vantaggio, il Milan alza le barricate e riparte in contropiede. La partita sembra bloccata sino all'ingresso di Mertens che dimostra gran voglia. Al 67° centra in pieno il palo con Donnarumma battuto. Mihajlovic sostituisce un inguardabile Bacca non in serata per Menez, che non ha lo stesso impatto di Mertens sulla partita. Sarri comprende l'importanza della partita e disegna un 4 2 4 votato all attacco alla ricerca del gol vittoria. Proprio sui piedi di Higuain arriva la palla del possibile vantaggio che finisce sul fondo. A pochi minuti dalla fine è il tecnico serbo a giocare la sua ultima carta: dentro Balotelli. Proprio l'attaccante innesta una ripartenza sul finale che impegna in corner Reina. La partita si conclude sull'uno  a uno.

Risultato che non può soddisfare nessuna delle due squadre. Il Milan prosegue ad incamerare punti ma perde due lunghezze dai posti Uefa. Il Napoli spreca il regalo del Bologna, che giovediaveva fermato la Juve rimanendo al secondo posto con la Roma adesso che preme alle spalle.