background

IL NAPOLI SPRECA E NAINGGOLAN LO CASTIGA ALL'89': ROMA A -2

Pubblicato il 25/04/2016
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

Il Napoli si perde sul più bello: la squadra di Sarri gioca bene ed imbriglia la Roma per gran parte della gara, ma poi non riesce a concretizzare in goal il suo predominio territoriale e di gioco, permettendo così alla Roma di riemergere a testa alta, battendo gli azzurri con un goal all'89' di Nainggolan. Ora gli azzurri dovranno stare molto attenti perchè, abbandonata ormai anche ufficialmente la lotta-scudetto, il Napoli rischia di perdere anche il secondo posto in questo finale di campionato.
Spalletti per la sfida dell’Olimpico conferma l’assetto difensivo titolare con Ruediger centrale e Florenzi a destra. A centrocampo torna Pjanic e c’è spazio anche per Keita. Davanti si punta sull’attacco leggero, solo panchina dunque per Totti e Dzeko. Nel Napoli Sarri manda in campo i suoi ‘’titolarissimi’’: l’unica novità  è rappresentata dall’inserimento di Mertens a sinistra, col belga che viene premiato dopo la sua tripletta al Bologna. Rimane dunque fuori Insigne. Al fischio d’inizio di Orsato la prima fiammata è della Roma, Salah sfrutta un errore difensivo del Napoli e calcia in porta dal limite, mandando alto. La risposta del Napoli arriva due minuti più tardi con Higuain che, imbeccato da Mertens, calcia alto. Nei primi minuti è comunque il Napoli a prendere in mano le redini della gara: la squadra di Sarri col suo possesso palla e con un pressing altissimo riesce a mettere in difficoltà la Roma, che fatica ad uscire palla al piede. Nel complesso la squadra di Spalletti nei confronti del Napoli sembra indossare i panni dello sparring partner. Al 17’ il match si accende sugli spalti per una gomitata di Higuain a Manolas che, colpito al volto, rimane a terra ed è poi costretto ad uscire. Al 23’ un errore in rinvio di Ruediger potrebbe costare caro, ma Mertens si fa parare il tiro da Szczesny. Con la Roma al piccolo trotto, spetta sempre al Napoli accendere la gara ed al 26’ Mertens manda in porta Callejon, che batte Szczesny ma è in fuorigioco ed Orsato giustamente annulla. I brividi per la Roma non sono finiti però, perché alla mezz’ora Higuain si infila tra i due lenti centrali della Roma e va vicinissimo al goal, fermato solo dall’ottima uscita di Szczesny. Nel finale del primo tempo la Roma prova un po’ ad uscire e col fraseggio cerca di penetrare tra le linee del Napoli, ma la squadra di Sarri è attentissima e concede poco. Il primo tempo si chiude con una conclusione di Hamsik, alta di poco. Nel secondo tempo Spalletti inserisce Maicon al posto di un Florenzi acciaccato. Il match procede sulla stessa linea d’onda, col Napoli più propositivo e con la Roma superguardinga, a protezione del pareggio. Al 49’ hamsik cerca con un tiro secco a portare in vantaggio i suoi, ma Szczesny fa buona guardia. Il ritmo non è irresistibile e la Roma sembra ingabbiata dalla fitta rete di passaggi degli azzurri. A mezz’ora dalla fine partono allora i primi cori per Totti, ma Spalletti fa orecchi da mercante. Quindi è Maicon ad accendere il pubblico di casa con una discesa delle sue, ma il pallone attraversa tutta l’area e si perde. Col trascorrere dei minuti le squadre si allungano un po’ e le occasioni arrivano più numerose: ci prova Mertens in un paio di occasioni, ma la mira del belga oggi non è perfetta; ci prova anche El Shaarawy, ma Albiol lo anticipa in scivolata all’ultimo momento, salvando la porta del Napoli. La squadra di Sarri non si accontenta però del pari che emerge dalla gara e prova a cercare ancora la via del goal con Higuain e Mertens, ma Szczesny si dimostra reattivo. Nel tentativo di vincere la gara, Sarri si gioca anche la carta-Insigne, ma a fare rumore all’Olimpico è l’ingresso all’81’ di Totti, accompagnato dal boato dei tifosi giallorossi. A 7 minuti dalla fine il Napoli ha la palla per vincere la partita con Hamsik, ma Ruediger lo anticipa con la porta sguarnita, salvando la Roma dalla capitolazione. Poi all’86’ Totti fa vedere ai suoi che questa partita si può anche vincere e con un lancio illuminante manda Salah in porta, con l’egiziano che si fa però anticipare da Reina. La reazione azzurra è in un tiro dalla sinistra di Insigne, che termina fuori. Si arriva così all’89’: Totti inizia un’azione che porta Salah dentro l’area, l’egiziano è bravo poi ad alleggerire all’indietro per Nainggolan, preciso nel battere Reina per l’1-0 che decide la partita. Game, set, match, la Roma grazie al goal del ninja giallorosso ‘’vede’’ il 2° posto. Per il Napoli invece solo tanti rimpianti, con la consapevolezza però che il gioco c’è…