background

EURO 2016 - FAR OER, LIECHTENSTEIN E SAN MARINO, IL TRIONFO DELLE CENERENTOLE D'EUROPA

Pubblicato il 17/11/2014
L'ultimo weekend del 2014, per quanto riguarda le qualificazione europee ad Euro 2016, ha regalato delle clamorose sorprese a livello di risultati. A balzare alla ribalta delle cronache sono state le Far Oer, arcipelago di isole nel mare del nord, (sotto la giurisdizione della Danimarca, ma con una propria federazione calcistica con una popolazione di 49057 abitanti) che hanno conquistato la prima, storica, vittoria in una partita ufficiale. E che vittoria, uno 0-1 a domicilio della Grecia (che tanto aveva ben figurato agli ultimi Mondiali)  che è costata la panchina a Claudio Ranieri, da nemmeno quattro mesi alla guida della nazionale ellenica. A regalare questa fantastica vittoria ai suoi connazionali, è stato  Jóan Edmundsson, giocatore dell'HB Torshavn, tra l'altro uno dei pochi professionisti delle Far Oer. Ma lui è uno dei pochi fortunati del suo paese. Il capitano, Frodi Benjaminsen, come lavoro fa il falegname, così come molti suoi compagni, che sono pescatori, insegnanti, operai. Una bella storia, così come quella del Liechtenstein, piccolo stato confinante con Svizzera e Austria, fino a questo momento conosciuto soprattutto per i suoi sciatori (Hanni e Andreas Wenzel negli anni '80 e più recentemente Marco Buechel), che venerdì scorso ha espugnato il campo della Moldova conquistando così un'altra storica vittoria (che si aggiunge al pareggio ottenuto contro il Montenegro). La squadra guidata in campo da Mario Frick (vecchia conoscenza del calcio italiano avendo vestito le maglie di Arezzo, Ternana, Verona e Siena) che da bomber, alla veneranda età di 40 anni si è trasformato in terzino, adesso con quattro punti all'attivo può anche cullare il sogno di poter raggiungere un clamoroso terzo posto nel girone e ambire così agli spareggi. Non è una novità il pareggio per San Marino (che già per volte lo aveva raggiunto, ma nelle qualificazioni mondiali), ma livello europeo è la prima volta che la nazionale del Titano conqusita un punto. I ragazzi di mister Pierangelo Manzaroli, di professione impiegato (ma al momento in cassa integrazione) hanno fermato sullo 0-0 l'Estonia, grazie alle parate del portiere Aldo Simoncini, studente universitario, che già contro la Svizzera si era tolto lo sfizio di parare un rigore a Dzemaili. In rosa ci sono giocatori che fanno gli operai, i magazzinieri, i baristi e gli unici due professionisti sono Mirco Palazzi e Mattia Stefanelli, che giocano nel San Marino (squadra che milita in Lega Pro). Poi ci sono Andorra e Gibilterra, le ultime arrivate a livello europeo, ancora a secco di risultati, ma comunque la nazionale di Gibilterra, dopo aver preso sette gol con Polonia e Irlanda, ha limitato i danni contro i campioni del mondo della Germania, che hanno vinto "solamente" per 4-0. Non sono più considerate cenerentole, ma lo erano fino a qualche anno, Cipro, Albania e Malta. La nazionale cipriota potrebbe anche sperare in qualcosa di clamoroso, dopo la vittoria in Bosnia e il largo successo su Andorra, mentre Albania e Malta, guidati dagli italiani De Biasi e Ghedin, stanno raccogliendo ottime prestazioni. Gli albanesi nella gara di esordio hanno battutto nientemeno che il Portogallo di Cristiano Ronaldo, mentre i maltesi, nell'ultimo turno hanno costretto al pari la Bulgaria dopo aver fatto soffrire anche gli azzurri.