background

DI FRANCESCO: ''OGGI HO AVUTO RISPOSTE POSITIVE. PELLEGRINI? L'HO VOLUTO IO''

Pubblicato il 16/09/2017
Di Francesco può finalmente sorridere, la sua Roma ha vinto e convinto contro il Verona, mettendo in mostra giocate importanti. Guardando poi alle statistiche, stasera la Roma ha effettuato ben 30 tiri verso la porta degli scaligeri, e questo è un dato che mancava addirittura dal 2013: ''Ogni partita nasconde grandi insidie, bisogna saperle affrontare col piglio giusto. Se però abbiamo fatto 30 tiri e abbiamo segnato solo 3 goal, allora vuol dire che c'è sempre un dato da migliorare... Questi sono 3 punti preziosi per ridare linfa al campionato. Essere riusciti a vincere oggi è fondamentale, ma già da mercoledì ce n'è un'altra, per cui non si può neanche pensare troppo a questa gara...''. Nel finale di gara ci sono state scintille tra Gerson e Bruno Peres in panchina, con una spinta tra i due, ma Di Francesco non ha viglia di polemiche dopo la vittoria, e preferisce scherzarci su: ''Ce l'avevano con me...''. Sorride il mister, poi argomenta: ''Al di là della battuta, non ho visto niente, ma mi hanno detto che stavano scherzando... Anche in famiglia non si va sempre tutti d'accordo ed ogni tanto qualche pizzicata ce la diamo... Ad ongi modo non ho visto...''. La Roma stasera ha dato vita ad un pò di turnover, eppure proprio con questo assetto sembra aver trovato i giusti equilibri: ''Rivedremo diversi elementi di stasera anche a Benevento, anche se qualcuno lo cambierò, viste le partite ravvicinate. Oggi comunque ho avuto delle risposte positive ed allora, se sono queste, perchè non portarle avanti?''. Una delle principali note positive è stato Pellegrini: ''Lorenzo è stato fortemente voluto da me, oltre che dalla Roma, ed è avvantaggiato rispetto agli altri, perchè è al terzo anno con me e può darci una mano. Lui è un '96 che da due anni è protagonista in serie A''. Ma quella di oggi è anche la vittoria di Florenzi, di nuovo protagonista dopo tanti mesi di assenza: ''Sono contentissimo del suo rientro, penso poi di aver scelto il momento migliore per farlo rientrare. Quello che mi piace di Alessandro è la sua grandissima personalità: lui è uno che dal basso gioca semplice ma poi, quando arriva negli ultimi 25 metri, è uno che rischia e fa delle giocate che fanno la differenza con gli altri calciatori''. Sui cambi fatti solo nell'ultimo quarto d'ora, queste le parole di Di Francesco: ''Oggi avevo dei dubbi sulla tenuta di Florenzi ed anche su quella di Nainggolan, che aveva avuto un problemino muscolare martedì...Io cambio spesso, ma vedo in base alle necessità ed al momento della gara''. In chiusura di conferenza viene chiesto ad Eusebio di spendere qualche parola per Pecchia, e questa è la sua risposta: ''Fabio è un amico ed è una brava persona... A volte però si rischia di dire cose scontate o ipocrite... C'è una difficoltà oggettiva per loro e Pecchia sa come venirne fuori, gli faccio un ''In bocca al lupo'', ma non è il momento giusto per dirgli altre cose...''.