background

ROMA, UN ALTRO TRIS ALL'UDINESE

Pubblicato il 23/09/2017
I giallorossi di Di Francesco superano in scioltezza l'Udinese per 3-1 e volano a quota 12 in classifica. Di Dzeko il goal iniziale, prima della doppietta di El Shaarawy che ha chiuso virtualmente il match già nel corso del primo tempo. Di Larsen poi al 90' il goal della bandiera dei friulani. La Roma di Di Francesco si conferma sempre più come una bella realtà del nostro campionato: cambiano gli uomini in campo, ma il lgioco messo in mostra dalla Roma non scende mai di livello e regala sempre emozioni, goal e vittorie. Per questa gara Di Francesco cambia ancora l'11 iniziale: tornano titolari Manolas e Florenzi in difesa, mentre a centrocampo si rivede il terzetto dei titolarissimi con De Rossi, Strootman e Nainggolan. In avanti torna poi El Shaarawy dal primo minuto con Perotti e Dzeko. Nell'Udinese Delneri vara il suo classico 4-4-2 con in porta la novità Bizzarri al posto di Scuffet, mentre davanti c'è il tandem offensivo formato da Maxi Lopez e Lasagna. Subito dopo il fischio d'inizio di Massa l'Udinese si rende già pericolissima: Jankto dal limite dell'area fa partire il sinistro ed Alisson in tuffo è bravissimo nel salvare in angolo. La squadra giallorossa appare in difficoltà in apertura, soprattutto nel settore centrale del campo, a fronte di un'Udinese determinata e vogliosa di mettere in castagna i padroni di casa. Ecco che allora al 12' ci pensa Nainggolan a togliere dai guai i compagni: il Ninja lotta in mezzo a tre giocatori e riesce a mantenere il pallone, prima di verticalizzare magistralmente per Dzeko, che a quel punto deve solo battere Bizzarri per l'1-0 della Roma. Il vantaggio dà fiducia e linfa ai ragazzi di Di Francesco, che iniziano a questo punto a cercare con insistenza la porta bianconera: ci prova Dzeko in un paio di occasioni, ma Bizzarri stavolta fa buona guardia, e ci prova anche El Shaarawy di testa a capitalizzare una bella azione di Perotti, ma il colpo di testa del Faraone finisce fuori. Al 29' la squadra di Delneri prova a respirare: Maxi Lopez si ritrova sui piedi un bel pallone dentro l'area, ma non riesce ad imprimere forza e pericolosità ed Alisson può così parare senza problemi. Passata la paura, sull'immediato capovolgimento di fronte la Roma raddoppia: al 30' Dzeko lavora benissimo un bel pallone sulla sinistra e serve poi in mezzo per El Shaarawy, che anticipa Behrami e mette dentro il 2-0. Gli ospiti a questo punto abbozzano una reazione di testa, prima ancora che di gambe, ma ad andare in goal sono ancora una volta i padroni di casa: è il 45' quando Perotti scappa via in contropiede sulla destra e mette in mezzo, Larsen sbaglia goffamente il retropassaggio verso il proprio portiere ed El Shaarawy è lì, rapace come un falco, pronto a spingere in rete il 3-0 che vuol dire doppietta personale, oltre che un secondo tempo da vivere in assoluta tranquillità per la Roma.
La ripresa si apre con l'orgoglio dell'Udinese: Larsen, con la coscienza sporca, cerca di farsi perdonare dai suoi, ma il suo tiro termina di un soffio fuori. La Roma si fa intanto vedere in avanti con Dzeko, ma il suo tiro ravvicinato viene respinto da Bizzarri. In questa fase del match, col punteggio inchiodato sul 3-0, le occasioni da rete latitano un pò. Si deve così arrivare al 68' per vedere Maxi Lopez a tu per tu con Alisson, ma il tutto viene vanificato dall'offside dell'attaccante argentino. E' il momento dei cambi per i due mister: dentro Bajic per l'Udinese e Defrel e Moreno per la Roma. Questi movimenti portano giovamento alla squadra di Delneri, che al 75' va vicina al goal proprio con Bajic, ma Alisson si tuffa e devìa in angolo. Dal tiro dalla bandierina svetta poi Nuytinck, ma il portiere della Roma vuole mantenere l'imbattibilità e va a sventare la minaccia sotto la traversa. Si entra così negli ultimi 10 minuti del match e Defrel si presenta davanti a Bizzarri, ma poi si fa respingere dall'ex laziale il pallone del possibile 4-0. Ed il poker non entra nelle carte della Roma neanche 5 minuti dopo, quando Perotti viene atterrato in area di rigore: Massa indica il dischetto, ma dagli 11 metri lo stesso Perotti colpisce in pieno il palo. E così, dal 4-0 mancato, si passa nel giro di un minuto al goal della bandiera dell'Udinese: in contropiede Larsen si presenta tutto solo davanti ad Alisson e lo batte, firmando il 3-1 finale e facendosi perdonare in parte dell'errore in occasione del 3-0 di El Shaarawy. Finisce così, con la Roma che vola a quota 12 punti in campionato e può così concentrarsi serenamente sulla gara di Champions col Qarabag di mercoledì prossimo.