background

DI FRANCESCO: ''CONTENTISSIMO DELLA PRESTAZIONE''

Pubblicato il 22/10/2017
Eusebio Di Francesco al termine di Torino-Roma è sostanzialmente soddisfatto della prova dei suoi, nonostante in campo ci sia stato da soffrire: ‘’Senza sacrificio non andiamo da nessuna parte, a partire dagli attaccanti. Mi aspettavo che non saremmo stati lucidi, ma un po’ sporchi. Non siamo stati cattivi nelle occasioni che abbiamo creato e anche la nostra linea a volte non è stata così alta. Potevamo fare di meglio, ma sono stato contentissimo della prestazione. C’erano stati molti fattori che ci hanno danneggiato. Non possiamo pensare di non concedere nemmeno un cross agli altri. L’unica cosa che ci è mancata è stato l’ultimo passaggio, ma anche Dzeko non era in formissima, dato che era stato male. Io non ho mai conosciuto gente che vuole vincere i campionati senza soffrire’’. Dopo aver sofferto poi, ecco che è arrivata la magia su punizione di Kolarov: ‘’La punizione è nata da un attacco in profondità di El Shaarawy. Noi sappiamo di avere grandi tiratori come Kolarov e sono fattori che dobbiamo comunque sfruttare’’. Relativamente invece all’intesa sulla destra tra Pellegrini e Nainggolan, queste le parole di Di Francesco: ‘’Si poteva fare meglio, anche se si sono messi a disposizione. Era una scelta legata alla fisicità. Volevo mettere più fisicità, sapendo che potevamo perdere terreno per la loro brillantezza. Avevo un giocatore come Nainggolan che copre ma sa anche attaccare. Poi avevo anche Perotti e Under, che alla fine sono entrati’’ Il tecnico giallorosso promuove anche il palleggio dei suoi, nonostante sia stato a ritmi nettamente inferiori a quelli messi in mostra contro il Chelsea: ‘’Secondo me siamo stati bravi a cercare i primi 2-3 passaggi. Se palleggi sempre corto però, fai difficoltà. Non li abbiamo attaccati molto, forse anche data la condizione di Edin, ma anche El Shaarawy doveva farlo di più. La squadra poi a lungo andare è cresciuta anche grazie al lavoro dei centrocampisti e alla fine l’abbiamo portata a casa’’. La chiusura è su Moreno: ‘’Hector ha fatto benissimo, sta capendo quello che gli chiedo, coprendo anche gli spazi. Dobbiamo sempre essere lucidi e concentrati ed evitare gli uno contro uno’’.