background

DI FRANCESCO: ''FINO ALL'ALTROIERI CI CONSIDERAVATE INADEGUATI...''

Pubblicato il 18/11/2017
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

La Roma ha conquistato il derby della Capitale: la Città Eterna stasera parla giallorosso ed è grande naturalmente l'entusiasmo e la gioia di Eusebio Di Francesco, che di questo successo ne è l'artefice principale. La sua Roma, nata tra tanti dubbi dei cosiddetti ''addetti ai lavori'' e cresciuta con poca convinzione da parte dell'ambiente circostante, partita dopo partita ha iniziato a vincere le resistenze anche dei più scettici, riuscendo a conquistare anche la simpatia di una grande parte di quel mondo calcisticamente ''in lutto'' dopo la partenza di Spalletti. Tanto che ora, dopo la vittoria del derby, sarà difficilissimo trovare in giro qualche denigratore del tecnico abruzzese. Eusebio è consapevole di tutto questo e si gode la sua vittoria con soddisfazione ed un pizzico di rivalsa verso gli scettici: ''Penso che abbiamo fatto una partita aggressiva. Per giocare in un determinato modo devi avere una buona forma. Abbiamo messo sotto la Lazio facendo una bella partita. Inizialmente siamo partiti un pò a rilento, poi abbiamo alzato la pressione e abbiamo osato, perché bisogna rischiare. Siamo andati bene in verticale e siamo stati bravi a salire su con i tempi giusti, mentre nel primo tempo questo lo abbiamo cercato di meno. Secondo me ha vinto la squadra che ha meritato. Oggi abbiamo vinto meritatamente perchè abbiamo fatto quello che dovevamo fare! Abbiamo una nostra identità, la stiamo mantenendo ed i giocatori credono in quello che stiamo facendo! Noi più forti di loro? Guardate che fino all'altroieri non venivamo considerati ed anzi, venivamo definiti inadeguati...! Dobbiamo essere invece un gruppo consapevole della propria forza e dobbiamo continuare con questa umiltà! Vedere Dzeko che rincorre un pallone a centrocampo è una cosa bellissima!''
Di Francesco rende quindi ai biancocelesti battuti l'onore delle armi: ''La Lazio è una squadra difficilissima da affrontare: ha grande gamba nel ripartire e difende con tanti uomini. Noi però oggi siamo stati bravi ed abbiamo concesso poco o niente come ripartenze. La Lazio è una squadra che veniva da 10 partite vinte consecutive, non a caso sta lì in classifica. E' una squadra che può dare fastidio a tanti''. Tornando poi alla sua Roma, Eusebio ha approfittato di una domanda sull'ipotetica mancanza di cambi, per fare invece i complimenti a Gerson: ''Non poter scegliere è un vero peccato, ma Gerson oggi ha fatto molto bene! E' entrato con la mentalità giusta. Da allenatore posso assicurarvi che è molto più difficile allenare chi non gioca, piuttosto che chi gioca sempre... Continuerò con il turnover anche a Madrid e nessuno si deve mai sedere, perchè se si siede, poi starà seduto per un pò di tempo!'' . L'avvertimento di Di Francesco è chiaro e riecheggia una frase celebre di Totò: chi si ferma, è perduto...