background

IL SOLITO UNDER E PEROTTI, LA ROMA PASSA AD UDINE (0-2)

Pubblicato il 17/02/2018
La Roma continua la sua rincorsa al 3° posto ed espugna la Dacia Arena di Udine per 2-0 grazie alle reti nella ripresa dell'ormai ''solito'' Cengiz Under e di Perotti, che torna invece al goal dopo un bel periodo di astinenza che durava dal derby. Grazie a questi preziosi 3 'punti, la squadra di Di Francesco balza ora a quota 50, +2 sull'Inter di Spalletti, chiamata stasera al match del Marassi in casa del Genoa. In vista dell'importante match di Champions di mercoledì contro lo Shakhtar, per questa sfida Di Francesco tiene a riposo Kolarov e Strootman: spazio dunque al 4-2-3-1 con Juan Jesus largo a sinistra e con Pellegrini in mezzo al campo, al fianco di De Rossi. Alle spalle di Dzeko, sulla trequarti ci sono poi Under, Nainggolan ed El Shaarawy, con Perotti che parte dalla panchina. Sull'altro fronte, Oddo disegna il suo 3-5-2 tenendo fuori Maxi Lopez e lanciando davanti il tandem formato da De Paul e Perica. Al fischio d'inizio di Di Bello, la partenza è dell'Udinese, che nei primi 5 minuti costringe la Roma sulla difensiva. La prima palla-goal del match tuttavia è dei giallorossi: El Shaarawy in ripartenza serve un bel pallone ad Under, che va in dribbling e poi conclude col sinistro a lato. Un minuto dopo è invece la squadra di casa a rendersi pericolosa, grazie ad un ''regalo'' inaspettato di Juan Jesus: il brasiliano (non nuovo a svarioni del genere...) sbaglia completamente il passaggio all'indietro verso Alisson e Perica per un soffio non ne approfitta, con l'attaccante che viene anticipato all'ultimo da Alisson, bravissimo in uscita. Nel complesso nei primi 20 minuti di gara è la squadra di Oddo a costruire gioco in mezzo, con la Roma che fa fatica ad entrare in possesso della palla. Sulla fascia sinistra poi il duello tra Juan Jesus e Widmer viene vinto puntualmente dallo svizzero. La gara si mantiene veloce, con rapidi capovolgimenti di fronte, anche se di occasioni vere e proprie non se ne vedono ed a spiccare è piuttosto Alisson in un'insolita prestazione da libero aggiunto... La linea difensiva della Roma è infatti altissima, oseremmo dire quasi zemaniana. Al 24' la Roma torna poi a farsi vedere in avanti: Florenzi lancia Under, che si accentra e calcia, ma Bizzarri è bravo in uscita a respingere il tiro del turco. La gara sale di tono ed al 29' Fofana fa partire un grandissimo tiro da fuori, col pallone che esce di pochissimo. La replica della Roma arriva un minuto dopo con El Shaarawy, che manda fuori di pochissimo sul primo palo. L'Udinese capisce che la squadra di Di Francesco è un pò imprecisa al tiro ed in fase di costruzione, così decide di alzare il ritmo e nel giro di 2 minuti arriva al tiro prima con Barak (alto) e poi con Danilo (Alisson fa buona guardia). Al 34' è invece la squadra giallorossa ad orchestrare una bella azione: Under va via in velocità e mette in mezzo un pallone troppo lungo per tutti, Nainggolan riavvìa l'azione quando sembrava ormai perduta e lo stesso Under in acrobazia manda alto, ma Di Bello ferma il tutto per fuorigioco. E' il momento migliore della Roma, che un minuto dopo si presenta nuovamente dentro l'area con El Shaarawy: il Faraone però da ottima posizione si ''divora'' il possibile vantaggio sparacchiando debolmente tra le braccia comode di Bizzarri. Il primo tempo si chiude con Dzeko, che prova a dare un senso al suo opaco primo tempo con un colpo di testa, che viene anch'esso parato senza troppi problemi dal portiere bianconero.

La ripresa del match si apre con un bello spavento per la Roma: dalla rimessa laterale, De Paul serve in profondità Perica, che si libera bene dentro l'area e viene fermato solo da un grandissimo salvataggio in uscita di un immenso Alisson. La squadra friulana cerca quindi il goal del vantaggio anche con De Paul, ma il numero 10 bianconero non trova la porta. Al 57' in contropiede la Roma prova lei a spezzare l'equilibrio: Under crossa dalla destra per Dzeko, ma Bizzarri lo anticipa. Al 61' Edin prova finalmente a svegliarsi dal torpore e va via con una bella azione personale dentro l'area, ma viene chiuso dal momento del tiro dai difensori bianconeri. In campo continua a prevalere l'equilibrio tra le due squadre, così Oddo e Di Francesco si giocano le loro carte: entrano Jankto e Perotti al posto rispettivamente di Behrami ed El Shaarawy. Il cambio porta giovamento alla Roma, che al 70' sblocca il match: Under fa partire un grandissimo sinistro ad effetto che batte Bizzarri e vale lo 0-1. E' il quarto centro in 3 partite per l'attaccante, dopo un intero girone di andata a digiuno da parte del turco. L'Udinese a questo punto abbozza una reazione con Widmer, ma Alisson para senza problemi. Sull'altro fronte si fa vedere invece Perotti, che calcia da posizione defilata senza pericolosità. Per l'ultimo quarto d'ora del match Di Francesco inserisce la freschezza di Strootman, mentre Oddo si gioca il doppio cambio Maxi Lopez-Balic per tentare di pareggiare il match. L'occasione più grande per l'1-1 capita ai -9 dalla fine sui piedi di De Paul, ma Alisson respinge da campione ed è poi reattivo nell'allontanare definitivamente il pallone bollente dall'area piccola. Negli ultimi minuti di gara l'Udinese ci prova con il cuore e con la grinta, ma le ultime occasioni della partita capitano alla Roma con Defrel (entrato pochi minuti prima, Bizzarri neutralizza) e con Perotti, che in pieno recupero al 91' chiude definitivamente in cassaforte i 3 punti per la Roma: il Monito riceve palla da Nainggolan e da due passi trafigge Bizzarri per lo 0-2 definitivo. La Roma esce dunque vittoriosa dalla Dacia Arena. Ed ora, tutti a ''gufare'' Spalletti...