background

DZEKO SALVA LA ROMA, A BOLOGNA E' 1-1

Pubblicato il 31/03/2018
La Roma esce da Bologna con un punticino in rimonta che smuove la classifica, ma che complica anche la corsa-Champions dei giallorossi. Dopo una buona partenza, il goal dello svantaggio firmato da Pulgar costringe la Roma a rincorrere per buona parte della partita, con i giallorossi che si salvano dalla sconfitta solo negli ultimi minuti grazie ad Edin Dzeko, ancora una volta decisivo. Per la sfida del Dall'Ara, e con un occhio alla gara di mercoledì a Barcellona, Di Francesco vara il suo 4-3-3 con tutti i titolari, ad eccezione di Under e Dzeko: spazio dunque in avanti ad El Shaarawy ed al redivivo Schick. Il Bologna di Donadoni risponde a specchio con la novità dell'esordiente Santurro in porta, l'ex Torosidis in difesa e con l'altro ex Destro che rimane invece fuori: davanti ci sono infatti Verdi, Palacio e Federico Di Francesco, figlio di Eusebio. Dopo aver osservato il minuto di silenzio in ricordo di Frizzi e Mondonico, al fischio di Irrati prende via il match e la Roma parte molto bene all'attacco: al 6' Nainggolan pesca in verticale Schick, che calcia di prima intenzione sul primo palo, chiamando subito Santurro alla respinta in angolo. Dalla bandierina poi Kolarov pesca De Rossi e Santurro si dimostra pienamente degno della serie A con una grande respinta d'istinto da due passi, che salva il risultato. La squadra di Di Francesco sembra sicura del fatto suo e, ben messa in campo, costringe i padroni di casa sulla difensiva. Al 10' arriva però una brutta tegola per la Roma: Nainggolan si fa male, prova a rimanere in campo, ma poi dopo 5 minuti è costretto a chiedere il cambio. Al suo posto entra Gerson. Peccato però che, oltre al Ninja, ad uscire dal campo sia anche la Roma, che inizia a subire le manovre rossoblù: al 17' Poli crossa dalla destra per Donsah, che di testa manda alto; un minuto dopo poi il Bologna trova poi il goal dell'1-0 con Pulgar, che raccoglie al limite e calcia all'angolino dopo una lunga azione in area del Bologna. La Roma protesta nell'occasione per un tocco di mano di Poli, ma è chiaramente involontario e Irrati assegna dunque il goal felsineo. I giallorossi provano a reagire con Schick, che anticipa Santurro di testa, ma non trova la porta. Prova poi ad accendersi El Shaarawy su una combinazione in verticale con Perotti, ma si alza implacabile la bandierina del fuorigioco, Il ritmo della gara nel complesso si è abbassato. Senza troppi sussulti, si arriva così al 29' con Strootman, che su azione d'angolo colpisce un palo clamoroso ad un metro dalla porta, mentre Schick non riesce poi sulla ribattuta a trovare la porta. La Roma dà vita a centrocampo ad un possesso palla insistito, che però solo raramente trova sbocchi. Al 40' è invece bravo Alisson ad uscire tempestivamente su Palacio, lanciato a rete. Il primo tempo si chiude con Schick che riceve da Gerson e calcia di prima intenzione, chiamando però ancora una volta Santurro alla parata.

Nel secondo tempo Di Francesco cambia l'assetto tattico ed avanza Gerson sulla linea dei trequartisti, passando al 4-2-3-1. Sul piano nel gioco non cambia però il ritmo del palleggio giallorosso, che si dimostra tanto lungo, quanto sterile. Al 56' è anzi il Bologna a pungere in avanti, ma De Rossi è bravo a chiudere di testa su Verdi. La Roma prova col possesso a far valere il maggiore tasso tecnico, ma quest'oggi la squadra appare imprecisa ed inconcludente. Di Francesco allora inserisce nella contesa Dzeko e la Roma inizia a salire di tono. Schick ci prova ancora, ma Santurro quest'oggi al suo cospetto sembra Neuer. Entra intanto anche Defrel nella Roma, nel tentativo di chiudere i rossoblù dentro l'area ed al 76' i risultati arrivano: Perotti e Kolarov danno finalmente un senso alla loro gara fin qui abulica e combinano sulla sinistra, il Monito penetra dentro l'area e va sul fondo, prima di scodellare un bel pallone per Dzeko, che da bomber vero nello stretto la spizza di testa e firma l'1-1. La resistenza del Bologna a questo punto crolla e nell'ultimo quarto d'ora i giallorossi cercano con insistenza di vincere la partita. Defrel prima mette in mezzo un bel pallone su cui però non arriva nessuno, poi è lo stesso attaccante a non arrivare di poco su un lancio dalle retrovie di De Rossi. Siccome negli ultimi minuti di gara il forcing della Roma si fa insistente, Donadoni corre ai ripari ed inserisce Krejci al posto di Verdi. L'arbitro intanto assegna 4 lunghi minuti di recupero e Defrel al 91' cerca il suo secondo centro in giallorosso, ma Helander si oppone col corpo e salva i suoi. Al 93' ci prova poi Perotti con una conclusione dalla distanza a dare i 3 punti alla Roma, ma la palla esce a lato, sul 2° palo. L'ultimo assalto della gara lo porta Kolarov al 94', il serbo mette in mezzo un bel pallone, ma Santurro esce e salva la propria porta, stavolta definitivamente. Finisce 1-1 tra Bologna e Roma e non è esattamente  il risultato che Di Francesco sognava. Ma per oggi, tutto sommato va bene così. Ed ora, testa al Barça...