background

DI FRANCESCO: ''PER RIDURRE IL GAP RAFFORZEREMO LA SQUADRA!''

Pubblicato il 13/05/2018
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

La Roma quest'oggi non è riuscita a spuntarla contro la Juve, con i bianconeri che si sono laureati, grazie anche al pari odierno, campioni d'Italia per la settima volta consecutiva. C'è ben poco da fare: passano gli anni e cambiano gli allenatori, ma la Juve per la Roma rimane sempre la lepre da inseguire e da cui prendere spunto per crescere. Di Francesco ribadisce cos'è che, a suo dire, continua a fare della formazione bianconera la squadra da battere: ''E' la mentalità, cresciuta negli anni con la stessa società. La Juventus riesce a rimanere compatta anche nelle difficoltà, i bianconeri riescono a lavare i panni in casa. È questo il percorso che devono fare le squadre che vogliono vincere le partite. Stasera, ogni volta che c'era un fallo, entrava in campo tutta la panchina: a volte è eccessivo, ma è un desiderio di fare le cose insieme''.
Sul piano della mehtalità però anche la Roma Difranceschiana sta facendo passi da gigante: anche stasera, soprattutto nel primo tempo, i giallorossi hanno attaccato a viso aperto contro la prima della classe, segno che questo gruppo sta crescendo sul piano della consapevolezza del proprio valore: ''Le cose migliori stasera le abbiamo fatte in questo. Non abbiamo concretizzato le tante palle recuperate nella metà campo avversaria. Stiamo crescendo, in alcuni momenti della stagione non dovevamo mollare. Ci sta di subire qualcosina, c’erano tanti giovani. Se non fossimo rimasti in dieci, sarebbe stato un finale più arrembante, loro sono stati bravi ad addormentare la partita''.
Ormai è ufficiale: nella prossima Champions League la Roma ci sarà, e quasi sicuramente ci entrerà anche dalla porta principale. Di Francesco apprezza il livello raggiunto dal calcio italiano: ''Abbiamo fatto un passaggio di crescita in Italia: non ci sono più risultati sicuri, le partite si giocano fino alla fine. È un cambiamento importante, come potrebbe esserlo quelle delle seconde squadre. Non dobbiamo andare di là non sapendo cosa fare, ci vuole equilibrio, lavorando in una determinata maniera''.
Sul come colmare in futuro il gap dalla Juventus, il dibattito è aperto ormai da tanti anni nella Capitale. Di Francesco dà la sua ricetta: ''Come fare per ridurre il divario? Migliorando la rosa, cercando di prendere nei ruoli dove siamo meno forti. Questa spregiudicatezza, questo desiderio di fare la partita è basilare. Dobbiamo crescere a Trigoria, insieme alla società: dando regole, mentalità, facendole rispettare. Non pensando che i più bravi si debbano mettere sul podio e gli altri a guardare. Dobbiamo trattare tutti come titolari, come abbiamo fatto anche noi. Abbiamo cercato di proporre questa idea''.

Di Francesco poi ne approfitta anche per lanciare qualche stilettata all'ambiente romano, molto spesso non all'altezza della situazione: ''Dobbiamo staccarci da questa realtà che a volte non è reale: ci si deprime con facilità e ci si esalta dopo due partite vinte. Dobbiamo trattare le vittorie e le sconfitte allo stesso modo, è un passaggio di crescita. Si può fare e credo che nel nucleo è cambiata la mentalità. Spesso ci si guarda dietro, invece bisogna pensare a cosa si può ancora fare''.
Questo primo campionato alla guida della Roma è stato per Eusebio un passaggio importantissimo nella propria crescita professionale. E DiFra questo lo sa molto bene: ''Credo che per me sia stata un’esperienza, passando anche attraverso errori, che è fondamentale per capire che tasti toccare. A volte ci sono riuscito e a volte no: ora c’è più convinzione anche nel modo di parlare. Anche nelle interviste bisogna parlare una lingua comune e questo è un passaggio positivo. I fatti ci sono stati, ma bisogna portare avanti questo tipo di idea. Non basta, appena si abbassa la guardia,si trascura qualcosa e non si deve fare''.

Riguardo al suo rinnovo de contratto, Di Francesco si dice ottimista: ''Devo dire che è l’ultimo dei miei pensieri... Troveremo un accordo, perché il mio desiderio è continuare. Ma va al di là del contratto, c’è il desiderio di rinnovare''. Grazie ad i risultati della Roma in Champions, Di Francesco ha contribuito a rimpinguare le casse della società. Lui però su questo punto si schermisce: ''Fa parte del gioco, non ne stiamo qui a parlare... Non mi piace parlare di questo... Magari rinforzeremo di più la squadra!''.