background

DI FRANCESCO: ''SONO VERAMENTE INCA**ATO, NON DIFENDIAMO DA SQUADRA''

Pubblicato il 16/09/2018
Nel postgara rovente dell'Olimpico tuonano le parole di Di Francesco, che nella conferenza inizia prendendosela anche coi giornalisti, per poi scagliarsi con rabbia verso i suoi giocatori: ''Analizzate le partite ad occhio, ma noi abbiamo dati veri! La squadra ha difeso in alcuni momenti male, ma ha creato anche tanto. Poteva chiudere la partita, non l’ha fatto e questo è un nostro demerito. Sono veramente incazzato, perché quest’anno ci manca il difendere da squadra. Dobbiamo leggere meglio le situazioni. Dire che siamo a terra fisicamente non è vero, leggiamo i dati insieme domani. Non dobbiamo trovare quello che non esiste...''.
Anche quest'oggi Karsdorp non ha convinto, finendo col far sentire decisamente la mancanza di Florenzi. Di Francesco ne è consapevole: ''E' un giocatore come alternativa a Florenzi, che mi ha chiesto il cambio. Rick ha cercato di dare qualcosa in più, ma deve crescere per tattica e continuità. L’anno scorso quando ha esordito abbiamo vinto, questa volta abbiamo perso. Anzi, pareggiato, perdonatemi. Dobbiamo aiutarlo, io devo essere il primo a saperlo sfruttare''.
La brutta figura della Roma di oggi segue il k.o. di ieri dell'Inter, battuto in casa dal Parma: c'entra la Champions entrante? DiFra rifiuta però questo postulato: ''Non deve essere un alibi: noi abbiamo preparato la partita per vincere. Era fondamentale riuscirci per competere in campionato, ma anche per andare al Bernabeu con entusiasmo. Abbiamo la fortuna ora di poter giocare una partita importante, ma che va affrontata con foga, rabbia e determinazione. Per livello tecnico potremmo anche restare a casa, ma per determinazione dobbiamo dare qualcosa in più''.
Eusebio analizza poi il cammino a dir poco non entusiasmante della Roma fin qui: ''La nostra identità è stata a tratti: discontinua, come contro l’Atalanta e il Milan nel secondo tempo. Mi aspettavo un approccio differente. Abbiamo qualcosina in più, e secondo me è una questione del tutto mentale. Non dobbiamo guardare indietro, ma devo risolvere le cose il prima possibile. Ho visto cose importanti in fase offensiva, ma a livello difensivo manchiamo un po’ di qualcosa''.