background

DI FRANCESCO: ''POTEVAMO FARE MEGLIO''

Pubblicato il 06/10/2018
La Roma esce vincitrice da Empoli con un 2-0 che penalizza fortemente gli avversari, in partita fino all'ultimo. La squadra toscana deve infatti mangiarsi le mani per il rigore fallito da Caputo sullo 0-1 e va anche anche detto, ad onor del vero, che i giallorossi, al di là del rigore, hanno tremato fortemente anche in un altro paio di occasioni (l'altra palla-goal divorata da Caputo ed il palo di Bennacer). Detto ciò, la squadra giallorossa ha stretto i denti e, quando c'era da affondare il coltello, l'ha saputo fare nel modo migliore, con cinismo e freddezza, conquistando 3 punti importanti per il morale e per la classifica. Ora Di Francesco potrà vivere una sosta decisamente tranquilla... Prima però c'è da analizzare la gara di stasera, queste le sue parole: ''Potevamo fare meglio, sicuramente. Abbiamo disputato un buon primo tempo con un'ottima gestione della palla, concedendo qualche ripartenza. Nel secondo tempo sono cresciuti loro e, nel nostro palleggio sporco, hanno fatto meglio e avrebbero meritato di più'. I nostri avversari volevano cercare la profondità con Caputo, anche se poi è andato in fuorigioco tante volte. Il nostro terzino poteva dare più copertura... I difensori devono lavorare di più insieme, specialmente nelle situazioni di gioco viste con Caputo''. Nell'ultimo quarto d'ora di gara, la Roma si è disposta a 3 dietro:  ''Ma noi anche quando giochiamo in 3 ugualmente si scala in avanti, mettendo Juan Jesus dietro e Manolas al centro della difesa abbiamo riassorbito alcune situazioni''. 
La chiusura di Di Francesco è per commentare la prestazione di Luca Pellegrini, quest'oggi per la prima volta in campo dall'inizio: ''Deve continuare a lavorare con umiltà, ma ha grande consapevolezza. Non subisce questa categoria e per questo ha giocato. Non mi interessa l’età, ma qualcuno che ha le caratteristiche per farlo. Anche lui poteva essere più bravo in alcune occasioni. L’ho cambiato perché ha avuto un problemino al polpaccio a fine primo tempo''.