background

MONCHI: ''NESSUNO PUO' DIRE CHE FOSSE RIGORE...''

Pubblicato il 03/11/2018
Sul risultato finale di Fiorentina-Roma pesa come un macigno la decisione di Banti di assegnare il penalty al 31' per il presunto fallo di Olsen su Simeone. Il contatto è tutt'altro che chiaro, visto che sembra in realtà Simeone a cercare il rigore, più che il portiere svedese a procurarlo. Evidentemente, neanche il goal finale di Florenzi è bastato a togliere il nervosismo all'interno della socità giallorossa, visto che, nell'immediato postgara, la scelta della Roma è quella del silenzio stampa. Davanti alle telecamere ed ai microfoni non si presenta dunque Di Francesco, ma bensì Monchi, il direttore sportivo della Roma. Le sue parole di condanna per l'operato arbitrale sono chiare ed univoche, anche se il responsabile per Monchi è Orsato, più che Banti:  ''Perchè sono qui? E’ una scelta che ha fatto la società. Posso parlare anche di calcio e altre cose che non sono di calcio. Oggi la società doveva dire qualcosa per quello che è successo in partita. Prima di tutto se c’è una società che nel calcio italiano non parla ed è sempre sportiva, quella è la Roma. Ma ci sono state circostanze che non sono andate bene: il rigore a Empoli e con la Spal così e così, l’episodio su Dzeko a Napoli... Nell’assoluto rispetto che ho per gli arbitri, è impossibile trovare una persona che ha più rispetto di me, che credo che oggi Banti non sia responsabile. Se avevamo una possibilità nel Var, quest’anno come lo scorso anno, oggi non è stato utilizzato e mi dispiace. Per noi era importante questa partita e abbiamo avuto situazioni simili lo scorso anno contro l’Inter e a Genova con la Samp. Purtroppo con lo stesso protagonista. Rispettando tutti e sapendo che tutti possiamo sbagliare, continuo a essere un grande difensore del Var. Sono qui per difenderlo e voglio che sia utilizzato sempre quando è giusto farlo''.

Il responsabile Var era appunto Orsato, ed è a lui che vengono indirizzate le parole al veleno di Monchi: ''In tv ho visto che non era rigore, ma nessuno può dire che fosse rigore. Poi possiamo parlare di utilizzo, protocollo o altro, ma nessuno della Fiorentina può dire che fosse rigore. L’ultimo responsabile è l’arbitro, ma per fortuna c’è il Var. E stiamo parlando della stessa cosa di cui abbiamo parlato nella semifinale contro il Liverpool. Sono situazioni un po’ grottesche che non si capiscono e noi dobbiamo dare anche spiegazioni ai tifosi. Questo è il calcio. Prima Gandini, ora Baldissoni e io non parliamo mai di queste cose. Continueremo così, anzio io voglio difendere il Var. Voglio che sia utilizzato, altrimenti stiamo così... Io non voglio dare giudizi oggi, l'arbitro è la professione più difficile. Io voglio solo che il Var sia utilizzato per tutti in maniera corretta. Oggi almeno una chiamata per aiutare l’arbitro ad andare a vedere la giocata…''
Fa pensare il fatto che Banti non sia stato neanche chiamato a visionare il Var, nonostante la circostanza tutt'altro che nitida del contatto Olsen-Simeone. Questa è la posizione di Monchi su questo punto: ''Credo che lui abbia detto che non ci fosse bisogno di andare al Var. Noi non abbiamo chiesto spiegazioni. perché non credo sia il momento. Il Var per me è quanto di più giusto è stato portato nel calcio negli ultimi anni e, se abbiamo la possibilità di aiutare gli arbitri, dobbiamo usarla...''