background

DI FRANCESCO IN SILENZIO STAMPA, PARLA TOTTI ED ATTACCA IL VAR: ''E' UNA VERGOGNA!''

Pubblicato il 02/12/2018
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

La Roma è riuscita a strappare un punto all'Inter anche grazie al verdetto del Var, che ha assegnato il rigore per fallo di mano di Brozovic, penalty trasformato poi da Kolarov per il 2-2 finale. Eppure, proprio le decisioni del Var sono al centro delle polemiche della società giallorossa, che al termine della gara decide di imporre il silenzio stampa ad allenatore e giocatori, mandando unicamente Totti davanti ai microfoni ed alle telecamere, per spiegare la posizione infastidita della società. L'irritazione dei vertici giallorossi è legata soprattutto ad un episodio, quell'atterramento in area di Zaniolo per opera di D'Ambrosio al 35' del primo tempo che, secondo i dirigenti, avrebbe meritato ben altra decisione da parte dell'arbitro, su sollecitazione appunto del Var, che invece nell'occasione non ha ritenuto ci fossero gli estremi per il calcio di rigore. Ironia e beffa del destino poi, nell'azione immediatamente successiva l'Inter ha trovato per giunta anche il goal del vantaggio con Keita, e la cosa di sicuro non ha fatto che accentuare la rabbia in casa giallorossa... A spiegare questo ed altro si è presentato dunque Francesco Totti, ormai sempre più a suo agio nel suo ruolo di dirigente: ''L’episodio del rigore su Zaniolo? C’è poco da vedere penso, le chiacchiere stanno a zero! Hanno visto tutti ciò che è successo... Come fanno quelli del VAR a non vedere un fallo del genere? E’ una vergogna! Lo abbiamo visto tutti dallo stadio da uno schermo molto più piccolo. Il Var è stato messo proprio per rivedere una svista, qui era evidente. Poi Rocchi ha fischiato anche un fallo contro, non so perché. Non so chi c’era alla moviola (Fabbri, n.d.r.)ma evidentemente stava guardando un’altra partita. Così non si può andare avanti. Facciamo riunioni a Milano e a Coverciano, ma poi vediamo questi episodi. Oggi è capitato a noi, domani sarà lo stesso per un’altra squadra. Non stiamo cercando alibi, ma sicuramente episodi così cambiano la partita. Abbiamo preso goal sull’ azione successiva, poi è difficile rimontare una squadra forte come l’Inter. Ti possono cambiare i campionati in questo modo”.

Poi, virando anche su altri argomenti, il Capitano di tante battaglie giallorosse spende delle parole di elogio per Zaniolo: “Sembra un veterano, gioca con semplicità e maturità, sta dimostrando il proprio valore. E’ esplosivo, ha forza e tutti i mezzi per diventare un grande giocatore”. Col pareggio odierno, la Roma sembra almeno aver ritrovato una certa intesa coi suoi tifosi, visti gli applausi al fischio finale: “L’empatia c’è sempre con la nostra gente, che vuole sempre il massimo dalla squadra. Bisogna dire bravi ai ragazzi, che già hanno passato il girone di Champions e che stanno cercando di ritrovarsi anche in campionato. Ce la faremo tutti insieme ad uscire da questo momento. Fino ad oggi abbiamo avuto alti e bassi non da grande squadra. Di Francesco sa cosa fare, cercherà il modulo migliore. Ripartiamo dalla sfida con l’Inter, per giocare tante altre partite così eccitanti”.