background

RANIERI: ''IL RISULTATO COMPLESSIVO E' NI'...''

Pubblicato il 26/05/2019
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

La stagione della Roma si chiude al chiaroscuro, con una vittoria negli ultimi minuti sul Parma che tuttavia non basta da sola a permettere ai giallorossi di accedere alla prossima Champions League: la Roma chiude infatti al 6° posto e per la prossima stagione dovrà accontentarsi dell'ultimo posto utile per l'Europa League. La vittoria di stasera poi passa chiaramente in secondo piano, vista la concomitanza dell'addio di De Rossi. Ma Roma - Parma ha rappresentato l'ultima gara in giallorosso anche per Claudio Ranieri, che già da domani dovrà ricominciare a guardarsi intorno, alla ricerca di un'altra panchina su cui sedersi e da cui impartire le proprie lezioni di calcio e di vita. Già, perchè Ranieri, dall'alto dei suoi 67 anni, è un tecnico pieno di risorse a livello umano, tanto da avere ricreato subito una forte empatìa col tifo giallorosso, a dispetto dei pochi mesi di permanenza e dell'andamento non esattamente esaltante dei suoi in questo finale di campionato. E' bastato insomma decisamente poco a Ranieri per rientrare nei cuori dei tifosi e per rinsaldare il feeling anche con Daniele De Rossi, che nella sua ultima partita in giallorosso si è appoggiato anche e soprattutto a Claudio per sfogare le sue emozioni. Emozioni peraltro ricambiate dal tecnico di San Saba: ''L'emozione dei giocatori mi prende e mi pervade... Non me l'aspettavo, per questo mi sono commosso... Pazienza se ho fatto vedere questo mio lato debole... Di mio sono un tipo timido e vergognoso, non amo far vedere questo tipo di reazioni...''.
Ora che la stagione si è conclusa, che giudizio dare dunque della sua seconda avventura nella Capitale? Nella conferenza del postgara, le parole di Ranieri sono schiette: ''Il risultato complessivo è ''nì'' perchè, quando ho preso la squadra, volevo centrare il massimo ed entrare in Champions League... Non ci siamo riusciti, faccio i complimenti agli avversari... Noi abbiamo fatto il meglio in una situazione complicata e devo dire che i ragazzi mi hanno seguito in tutto e per tutto, li ringrazio...''.
C'è poi la curiosità di sapere cosa ha detto De Rossi a Ranieri, al momento della sua uscita dal campo: Claudio rivela: ''Gli ho fatto i complimenti e lui mi ha detto: ''Sono contento che finisco insieme a te stasera...''. Vorrei allora utilizzare le sue parole: ''Domani ci sarà il vento che soffierà di nuovo''...''.
Ranieri non ha recriminazioni particolari da muovere alla sua società: ''La Roma sta cercando la sua via: lo stadio è lo scoglio più importante... Mi auguro che al più presto possa tirare su la nuova casa giallorossa''. Quindi, Claudio sulla sua seconda avventura romanista, aggiunge: ''Mi reputo una persona fortunata: da ragazzino mi batteva il cuore per la Roma e mi dicevo: chissà se un giorno potrò mia giocarci...Poi ho avuto la fortuna di giocarci, di allenarla e di ritornarci... Vado via soddisfatto e convinto di aver fatto il massimo''. 
Stasera, un pò da contraltare al pathos di De Rossi e Ranieri, si è invece notata l'assenza dei vertici societari. Su tutti naturalmente si è sentita l'assenza di James Pallotta: ''Cosa si è perso? Beh, non gli posso dire che si è perso amore, perchè lo stadio era sì pieno d'amore, ma per Daniele e per la Roma... Pallotta la partita l'avrà sicuramente vista in America ed avrà capito cosa significa essere presidente dell'AS Roma... Capisco però la mentalità degli imprenditori: basta un nonnulla per sbagliare e chi paga poi le conseguenze sono i tifosi, ma anche la presidenza... E parlo di tutti i presidenti, che siano americani, russi o arabi...Tutti vogliono fare bene e vincere, ma poi si scontrano con la realtà... Quando ci saranno 20 grossi magnati per tutte le squadre, sempre ce ne sarà uno che vincerà lo scudetto e ce ne saranno 3 che retrocederanno... L'importante è seguire una via maestra, nonostante delle buche e delle correzioni che via, via vengono prese. Qui alla Roma c'è un presidente che sta cercando di fare le cose fatte bene... Molti vogliono vedere solo i risultati del campo, ma devo dire che dietro c'è una struttura che funziona''