background

FONSECA: ''PRIMO TEMPO ECCELLENTE, ABBIAMO MARGINI DI CRESCITA IMPORTANTI''

Pubblicato il 15/09/2019
C'è soddisfazione in casa giallorossa dopo la prima vittoria della gestione-Fonseca: il 4-2 finale sul Sassuolo rende giustizia allo spumeggiante gioco offensivo prodotto dai capitolini, con 4 reti nei primi 33 minuti di gioco, ma mette in evidenza anche alcuni limiti difensivi, con la squadra di De Zerbi che ha bucato per ben 2 volte la retroguardia romanista. Meglio allora godere per la vittoria o andare a vedere col lanternino cosa invece non è funzionato in fase di distruzione del gioco avversario? Paulo Fonseca opta per il bicchiere mezzo pieno e, visto il punteggio finale, tutto sommato ha anche ragione: “Prima di tutto credo che la squadra oggi abbia fatto una bellissima partita. Abbiamo avuto la capacità di rubare palla e di ripartire veloce. Dopo il 4-0 abbiamo ceduto, ma è anche normale, visti i tanti giocatori che arrivavano dalle nazionali”.
Oggi è stata la prima assoluta di Jordan Veretout con i giallorossi: il giudizio di Fonseca sul debutto del francese è più che positivo: “E’ un giocatore che sa fare tutto: sa aggredire, sa gestire i tempi di gioco ed ha ottimi passaggi”.
Alla luce dell'andamento un pò altalenante della squadra nel corso dei 90 minuti (ed in generale in questo inizio di stagione), si tratta allora di capire quanto manca ancora per avere in campo la vera Roma, quella voluta da Fonseca: “Certamente abbiamo fatto un eccellente primo tempo, che si avvicina a quello che chiedo alla squadra. Esistono margini di crescita importanti. Aver vinto oggi non significa che non possiamo migliorare. Dobbiamo correggere le note negative, anche se oggi sono state poche”.
La disamina del tecnico si mantiene positiva anche su Mkhitaryan, in goal già all'esordio. Fonseca però sull'armeno ci tiene a precisare: “Va riconosciuto che non è un’ala pura: negli ultimi anni nasce da ''10'', anche se ha giocato sulla fascia. Sa smistare bene la palla e non la perde. La squadra ha beneficiato dei suoi movimenti e di quelli di Pellegrini”. A proposito allora di giocatori di fantasia, va detto che quest'anno nella Roma c'è una discreta abbondanza per quel ruolo. Fonseca però è felice di avere questo tipo di ''problemi'': ''Fortunatamente abbiamo tanti giocatori che possono ricoprire diversi ruoli... Oggi tutti sottolineano la prestazione di Pellegrini da trequartista, anche se Lorenzo non ha giocato da numero 10. Abbiamo poi Pastore, Zaniolo, Cristante ed altri che possono giocare lì... E' importante avere giocatori duttili!''
L'allenatore giallorosso si sofferma poi su un aspetto tattico: ''Avevo detto al mio arrivo a Roma che sarei stato io a dovermi adattare al calcio italiano e non viceversa: sto provando a farlo. Ecco quindi che abbiamo apportato dei correttivi tattici, con un terzino che spinge meno e l'altro che spinge di più. La Serie A ha mostrato in queste prime giornate di essere molto offensiva: di questo passo il campionato italiano supererà anche quelli europei”.