background

FONSECA: ''LA MIA ESPULSIONE E' MERITATA''

Pubblicato il 06/10/2019
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

Deve avere meditato molto nel postgara Paulo Fonseca, dopo quel cartellino rosso che si è visto sventolare davanti a partita finita da parte dell'arbitro Massa. Fatto sta che le prime parole del tecnico portoghese sono proprio per fugare dubbi sull'accaduto: ''Ho meritato l'espulsione... Non voglio parlare troppo dell'arbitraggio, ma non mi è piaciuta la gestione della gara nel complesso da parte di Massa... Nella situazione del goal avevo visto le immagini e soprattutto avevo visto i giocatori e l'arbitro che due volte fà cenno loro con il dito... Poi non so, non mi è chiaro come funziona il collegamento arbitro-Var... Non so se il Var può intervenire anche se l'arbitro  ha già preso una decisione...Non è stata per me la prima volta che mi sono arrabbiato così per un arbitraggio, mi era già capitato... Ma ripeto, non voglio parlarne troppo... Ci tengo a dire che non ho mai mancato di rispetto all'arbitro, neanche per un secondo, ma riconosco che ho ecceduto e che l'espulsione è meritata...''. Poi, sulla partita: ''La risposta dei ragazzi è stata molto buona. Noi abbiamo giocato bene, abbiamo fatto una partita molto buona, giocando costantemente nella metà campo del Cagliari, e non è facile farlo, perchè quando ti trovi contro una squadra così difensiva, non è facile trovare spazi... Quando si affrontano squadre che difendono molto basso, è importante far circolare la palla per trovare gli spazi: nel primo tempo invece la circolazione della palla è stata lenta... Nel secondo tempo poi la manovra è stata più rapida ed incisiva. I ragazzi avrebbero meritato la vittoria, ma il calcio è questo: quando non segni, non vinci... Il problema oggi è stato non aver concretizzato le occasioni avute oggi''. A bocce ferme, destano poi preoccupazione gli infortuni occorsi oggi a Diawara e Dzeko: ''Oggi svolgeranno delle indagini strumentali per capire meglio... Per Diawara potrebbe trattarsi del menisco... Per Dzeko invece c'è una sospetta frattura dello zigomo''. Ha destato qualche interrogativo il cambio di Antonucci, visto che la sua partita è durata solo 44'. Lui risponde così: ''Oggi non avevo molte alternative, come sapete... Antonucci ha cercato di dare il suo contributo, ma non c'erano molti spazi per giocare e lui invece ha queste caratteristiche... Ho inserito una punta in più...''. Chi invece è rimasto fuori tutto il tempo è stato Pastore: ''Non ho ritenuto che fosse una partita adatta a lui''.