background

FONSECA: ''NON VOGLIO PARLARE DI INDIVIDUALITA', MA OGGI QUALCUNO NON MI E' PIACIUTO...''

Pubblicato il 12/12/2019
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

La Roma si è appena qualificata ai sedicesimi di Europa League, ma il suo allenatore Paulo Fonseca mastica amaro: il tecnico non può certo essere soddisfatto per questo 2-2 casalingo contro il Wolfsberg, che di fatto costringe i giallorossi al secondo posto finale nel girone, alle spalle di un Basaksehir bastonato per ben 7 volte tra andata e ritorno proprio dai capitolini. In particolare al trainer giallorosso è piaciuto poco di quanto visto stasera, sia in fase di uscita difensiva, sia in fase offensiva. Andiamo allora a sentire le sue parole: ''Abbiamo raggiunto l'obiettivo principale, che è la qualificazione, ma è vero che la partita di stasera non mi è piaciuta... Certo, non è facile giocare contro questa squadra: il Wolfsberg oggi ha giocato con un grande atteggiamento. Noi però non abbiamo fatto una bella partita... Ci sono tante cose che non sono andate per il verso giusto e non vorrei parlare di tutte queste cose qui... Voglio prima parlarne coi giocatori...''. Il disappunto di Fonseca presumibilmente è indirizzato a quei giocatori di maggiore fantasia, come Under, Mkhitaryan e Perotti, che dovevano essere gli uomini in più di stasera e che invece non hanno dato vita ad una prestazione ''da incorniciare''. Il tecnico ci tiene però a ''lavare i panni sporchi'' in famiglia, nel chiuso dello spogliatoio e nell'ambiente protetto di Trigoria: ''Non voglio parlare qui di individualità, ma è vero che alcuni di questi giocatori non hanno fatto una buona partita... Qualcuno di loro non mi è piaciuto...''.

Forse il turnover di Fonseca ha fatto pensare a più di qualcuno che la gara di oggi fosse poco più che una formalità, ma il tecnico attacca seccamente questa possibilità: ''Noi vogliamo vincere sempre...''. Il tecnico smentisce poi anche eventuali condizionamenti derivanti dalla gara di Gladbach: ''I giocatori in quel momento non sapevano il risultato dell'altra partita... Il problema è che dobbiamo uscire meglio dal momento di pressione: oggi abbiamo giocato il primo tempo con Mirante ed il secondo tempo con Pau Lopez, allora è meglio giocare col nostro portiere, piuttosto che perdere la palla... Invece abbiamo giocato col terzino, per uscire dalla pressione avversaria, ed abbiamo sbagliato molto...''.
Paulo Fonseca è rimasto un pò spiazzato dalla prestazione non esaltante di stasera da parte dei suoi ragazzi: ''Questa squadra ha avuto sempre un grande atteggiamento in campo: oggi no... Dobbiamo allora capire perchè questo è successo... Quella col Wolfsberg era una partita pericolosa per questo: si pensava di averla già vinta prima di scendere in campo, ed invece non è vero... La partita va vinta in campo col giusto atteggiamento!''.
E' un fatto che contro gli austriaci sono arrivati solo due pareggi: in entrambe le gare il Wolfsberg è riuscito a mettere la gara sui binari che gli sono più congeniali. Eppure Fonseca questa gara l'aveva preparata: ''E' successo lo stesso anche nell'altra partita, quella dell'andata: alcune volte siamo usciti dal loro pressing con qualità, altre invece abbiamo sbagliato, molte volte con decisioni individuali che non sono possibili...Col Wolfsberg non abbiamo fatto due belle partite... La loro squadra ha un grande atteggiamento ed è molto pericolosa in contropiede. Oggi il Wolfsberg qui ha giocato senza nessuna pressione ed ha fatto una buona partita...''