background

ROMA DUE VOLTE INCORNATA DAL TORO, IL 2020 PARTE MALE...

Pubblicato il 05/01/2020
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A ROMA

Comincia malissimo il 2020 della Roma, con la squadra di Fonseca che incassa un inatteso e doloroso k.o. casalingo dal Torino, per opera di Belotti, autore della doppietta che ha steso i giallorossi. La Roma gioca, crea occasioni e spreca anche molto, mentre sull'altro fronte il bel Torino compatto e concreto messo su da Mazzarri regge bene l'urto dei padroni di casa e, appena può, piazza le sue stoccate micidiali in avanti. Dopo un buon primo tempo, i capitolini si trovano a dover scendere all'intervallo immeritatamente in svantaggio, per un goal di Belotti a tempo praticamente scaduto, mentre nel secondo tempo poi i padroni di casa non riescono a fare del Toro un sol boccone e, proprio quando la Roma sembrava sul punto di mettere l'avversario alle corde, una chiamata del Var manda definitivamente per aria i sogni di rimonta giallorossi, con un penalty assegnato ai granata, che vale lo 0-2 finale. Insomma, per la Roma arriva dunque una sconfitta che fa male, tuttavia con un pò più di fortuna e di cinismo in avanti le cose avrebbero preso tutt'altra piega in campo...
Per la prima sfida del nuovo anno, Fonseca si affida ai suoi fedelissimi, con Florenzi ormai sempre più titolare della corsia di destra di difesa, mentre sulla trequarti, alle spalle del sempre-presente Dzeko, ci sono Zaniolo, Pellegrini e Perotti. Per quanto riguarda il Torino, Mazzarri schiera i suoi col 3-4-2-1, con Berenguer e Verdi a supportare in avanti la vena realizzativa del Gallo Belotti. Al fischio d'inizio di Di Bello la Roma parte subito molto aggressiva sui portatori di palla granata, ed al 3' arriva già la prima palla-goal per i giallorossi: Pellegrini serve con una bella giocata Zaniolo, il cui tiro viene deviato e c'è bisogno del miglior Sirigu per sventare con un balzo felino la minaccia, Poco dopo è poi Florenzi a cercare il tiro in porta, ma l'ex PSG respinge prontamente anche sulla conclusione del numero 24. All'8' ancora Roma pericolosa, Zaniolo serve in area Dzeko ed il bosniaco scivola proprio al momento del tiro, da ottima posizione. Il Torino intuisce che se si limita a fare da sparring partner, alla fine ne esce con le ossa rotte, così, su un rapido ribaltamento di fronte, Belotti calcia sul 2° palo e colpisce il legno, con la decisiva deviazione di Pau Lopez. Sul prosieguo dell'azione poi l'ex laziale De Silvestri spreca di testa da due passi e si dispera. La partita vive di fiammate improvvise e di rapidissimi cambi di fronte. Al 14' è Kolarov a sfoderare il suo sinistro velenoso in diagonale, ma la palla esce di poco. Due minuti dopo ancora il serbo ci riprova, questa volta direttamente da calcio di punizione, ma Sirigu vola a deviare in angolo. La Roma prova a creare gioco, mentre il Torino ricorre al fallo sistematico, nel consapevole intento di non far ripartire la squadra di Fonseca. Alla mezz'ora una combinazione Zaniolo-Dzeko-Perotti porta l'argentino al tiro, ma De Silvestri ci mette il corpo e la parità resiste. Poi al 32' arriva la risposta granata con Belotti che crossa per la testa di Lukic, ma la palla è fuori. Sull'immediato cambio di fronte quindi è Dzeko a protestare per un possibile calcio di rigore, ma Di Bello esce dall'impaccio chiamando l'offside dello stesso attaccante. Sul finire del primo tempo la Roma spinge ancora, alla ricerca del goal che sblocca la gara ed al 39' Pellegrini calcia all'angolino, ma Sirigu ancora una volta risponde presente e con un bel tuffo salva i suoi dalla capitolazione. A questo punto il 4° uomo mostra il cartello con un solo minuto di recupero e, a 46' già ampiamente scoccato, Florenzi rilancia in avanti, ma Rincon la intercetta e verticalizza subito per Belotti, che è poi bravissimo a tenere a distanza Mancini ed a siglare lo 0-1 con un bel sinistro da posizione defilata. Si va dunque all'intervallo coi giallorossi sotto di un goal.

La ripresa si apre con una conclusione dal limite di Pellegrini, palla che si perde alta. Se nella Roma Dzeko non è certamente nella sua miglior serata, lo stesso non si può dire invece per Belotti nel Torino, col Gallo che ogni volta che entra in possesso di palla crea scompiglio. Al 49' proprio Belotti calcia e costringe Pau Lopez ad un difficile salvataggio in angolo, con l'aiuto complice della traversa. Un minuto dopo Dzeko prova a rispondere al collega, ma il suo colpo di testa finisce fuori e non fa che confermare la nostra idea sulla serata di Edin...  Visto che il Cigno di Sarajevo gira a vuoto, ci prova allora Perotti a dire la sua, ma il suo tiro finisce a lato. Ci prova quindi anche Veretout dalla distanza, ma il francese non trova la porta. Poi al 63' Fonseca si gioca il suo primo cambio: dentro Mkhitaryan per Veretout, nel tentativo di dare maggior peso offensivo. Tra tutti però il più pericoloso resta sempre Pellegrini, che cerca il goal a più riprese: al 68' proprio il numero 7 ha la palla buona per il pari della Roma, ma Sirigu con una grande respinta ravvicinata da campione salva ancora la baracca granata, con Mancini che non riesce a trovare il tap-in giusto sulla ribattuta. Con la Roma ormai tutta protesa all'attacco, Mazzarri toglie Verdi ed inserisce Meitè, per dare ulteriore copertura ai suoi. Fonseca risponde inserendo in avanti la freschezza di Kalinic, giusto poco prima di venire ammonito per proteste da Di Bello. Intanto in campo gli animi si scaldano: Izzo, già ammonito, andrebbe espulso per una mano volontaria, ma Di Bello fischia semplice punizione e lascia il Torino in 11, tra le proteste giallorosse. Col trascorrere dei minuti sale intanto sempre più forsennato il forcing della Roma, alla ricerca del goal dell'1-1: Dzeko ci prova ancora di testa, ma manda fuori; poi è invece Mkhitaryan a sprecare malamente una bella palla da ottima posizione, calciando debole e centrale verso Sirigu; infine Kolarov ci prova su punizione con un tiro a lunga gittata, ma la palla non ne vuole sapere di entrare. All'82' Florenzi crossa un bel pallone per Dzeko, il quale però non trova di meglio che calciare facile tra le braccia di Sirigu, ed allora all'84' ci pensa Di Bello a scrivere la parola ''fine'' sulle speranze romaniste di rimonta: prima lascia giocare su un contatto col braccio di Smalling in area su un tiro di Belotti, e poi però interviene su segnalazione del Var e, con la Roma all'attacco, torna sui suoi passi per assegnare un penalty alla squadra di Mazzarri. La Sud applaude sarcasticamente la decisione arbitrale e Belotti all'86' dagli 11 metri fa 0-2, spiazzando Pau Lopez. Di Bello a questo punto concede ben 7 minuti finali di recupero, ma ormai la Roma è uscita dalla gara e non crede più alla rimonta. Gli ultimi sgoccioli di gara vedono Kalinic calciare a lato su assist di Mkhitaryan (96') e Dzeko calciare da due passi tra le mani di Sirigu (97'). Finisce così, col successo esterno del Toro e con una sconfitta bruciante per la Roma, che ora deve guardarsi alle spalle dal ritorno dell'Atalanta...