background

FONSECA: ''ORGOGLIOSO DELLA PARTITA DEI GIOCATORI. ZANIOLO? SIAMO TRISTI PER LUI, MA DOMANI E' UN ALTRO GIORNO...''

Pubblicato il 12/01/2020
Nonostante la sconfitta di stasera e nonostante la classifica ridimensionata dei giallorossi, nel dopogara della Roma c'è tutto sommato un cauto ottimismo, almeno stando alle parole pronunciate da Paulo Fonseca nella pancia dell'Olimpico ai colleghi di Sky. Il tecnico portoghese parte nelle sue parole da Zaniolo, visto che tutto lascia pensare che per Nicolò quella contro la Juventus sia purtroppo stata l'ultima partita, prima di una lunga e forzosa sosta: ''E’ un grande problema... Adesso Zaniolo deve pensare a recuperare veloce. Siamo tristi per lui, ma domani è un altro giorno''.
Fonseca è consapevole del fatto che nel primo tempo certamente la sua Roma ha fatto pochino per rimontare il doppio svantaggio iniziale, tuttavia al tecnico romanista non è dispiaciuta nel complesso la prestazione dei suoi, soprattutto nel 2° tempo, a dispetto della sconfitta finale e del catastrofismo mediatico che regna incontrastato dentro il raccordo anulare: ''Sì, è difficile se giochiamo così contro squadre come la Juventus. Abbiamo preso due goal con due regali nostri. Dopo la squadra ha fatto una buona partita contro una bellissima squadra. Abbiamo fatto un secondo tempo forte ed abbiamo messo pressione alla Juventus. Dopo i due gol loro era difficile''.

Al di là degli errori di posizionamento della Roma sul primo goal bianconero, il vero e proprio errore grossolano la Roma l'ha commesso in occasione dell'episodio che ha poi portato al rigore dello 0-2: non sarebbe stato meglio rinviare lungo il pallone lì, piuttosto che giocarlo nello stretto con Veretout? Fonseca però non ci sta a rinunciare al proprio credo e ad abiurare ai suoi princìpi tattici, nè tantomeno vuole colpevolizzare Veretout: ''Il fatto di far partire l'azione da dietro è’ una cosa in cui io credo. Sono il principale responsabile quando succedono cose come queste... Noi lavoriamo molto su questo: penso che noi possiamo vincere nelle situazioni in cui rischiamo. Non credo in un calcio che tenta la giocata all’indietro. Bisogna avere coraggio e rischiare. E' vero, Veretout è stato infelice in quella circostanza: ha fatto però quello su cui abbiamo lavorato... Dopo quell'episodio, Veretout ha però reagito bene e con coraggio, ha giocato bene e per me questo è l'importante''.
L'ottimismo di Fonseca continua anche riguardo alla partita nel suo complesso: ''Penso che dopo i due goal presi la squadra abbia giocato bene. E’ normale in una situazione come questa che subito dopo si perda fiducia, ma oggi non è stato così: anche dopo i due goal della Juventus, la Roma ha giocato in fiducia. Sono orgoglioso della partita dei giocatori''.
 
In questo inizio del 2020 la Roma è ancora a secco di punti, con un passivo di 4 reti subìte, a fronte di una sola realizzata, tra l'altro dal dischetto, da Perotti questa sera: si è rotto qualcosa nel passaggio al nuovo anno? Fonseca non fa drammi e predica serenità totale: ''Non è cambiato niente: solo i risultati... Ma penso che sia nella partita con il Torino, che oggi con la Juventus abbiamo dominato. Non è una questione tattica o di tenuta difensiva: non mi piace parlare degli errori individuali, ma devo dire che non è una questione di organizzazione. Per questo sono fiducioso!''