background

FONSECA: ''DZEKO? IN SETTIMANA DOVREMO RISOLVERE QUESTA SITUAZIONE...''

Pubblicato il 19/09/2020
La seconda Roma di Paulo Fonseca, la prima della nuova proprietà di Dan Friedkin, è ripartita stasera con uno 0-0 non trascendentale in casa dell'Hellas Verona e con un Edin Dzeko che è rimasto ''politicamente'' in panchina per tutta la gara. Ecco allora che nel dopogara del Bentegodi la domanda sorge spontanea: e se Dzeko avesse giocato? Col Cigno di Sarajevo in campo molto probabilmente sarebbe stata un'altra storia per il gioco offensivo della Roma, tuttavia Fonseca su questo aspetto cerca di glissare, preferendo invece soffermarsi sulla prestazione dei suoi: ''Non possiamo dirlo se con Edin sarebbe andata diversamente... Per lui questa è stata una settimana molto difficile, io ho fatto questa scelta principalmente per preservarlo... Penso che abbiamo fatto un ottimo primo tempo, sbagliando 4-5 occasioni da goal. Nella ripresa abbiamo sbagliato sulle seconde palle: è difficile così avere il possesso. Il Verona poi giocava sempre lungo, facendo abbassare la squadra. Nel finale abbiamo finito in crescendo, creando altre occasioni. Se avessimo segnato subito, sarebbe cambiata la partita''.
Già, il calo del secondo tempo... E' un problema di tenuta fisica, o c'è dell'altro? ''La squadra ha fatto tre settimane difficili di preparazione, ma sta bene fisicamente. Nel secondo tempo non abbiamo controllato come volevamo, ma abbiamo finito la partita nella loro area''.

Al tecnico giallorosso non è dispiaciuta questa Roma col ''falso 9'', senza un vero centravanti di riferimento: ''Mi è piaciuto molto il primo tempo con Miki, Pellegrini e Pedro. Ho chiesto a Pedro se stava bene e mi ha detto di sì. Carles Perez invece veniva dal Covid e non era il caso di schierarlo. Mi piace giocare con Mkhitaryan in questa posizione di falso nove, ma abbiamo bisogno di un altro attaccante. Stiamo lavorando per la migliore soluzione''.
All'ennesima domanda su Dzeko, chiedendo a Fonseca con che squadra giocherà Edin la prossima partita, lui risponde così: ''Vediamo, vediamo...''. Una cosa però è certa: se il tecnico ne avesse avuto bisogno, qualche minuto ad Edin glielo avrebbe fatto fare, mercato o non mercato...: ''L'ho convocato perchè è importante che Edin stia col gruppo. Se ne avessimo avuto bisogno, poteva giocare. Ma la squadra ha fatto una buona partita...'' Eppure, per molti il pari di Verona rappresenta soltanto due punti persi. Fonseca però non ci sta: ''Vedremo se lo saranno... Abbiamo giocato per vincere, contro il Verona non è mai facile...''

Sulla scelta di preferire Mirante a Pau Lopez, il tecnico romanista la spiega così: ''Ho parlato con Savorani, dovevamo scegliere il meglio per la partita''
Per quanto riguarda invece il mercato, Paulo conferma di volere ancora fortissimamente il ritorno di Chris Smalling: ''Sì, per me è molto importante che arrivi''. Decisamente più diplomatiche invece le sue parole a proposito di Milik: ''Non voglio parlarne, non è con noi. Se arriverà, parlerò di lui. Dzeko? Vedremo se rimarrà...''
La conferenza postgara di Fonseca si conclude con due parole del portoghese sulla nuova proprietà, oggi presente a Verona con entrambi i Friedkin: ''Sono molto presenti a Trigoria, guardano sempre gli allenamenti ed è molto importante questo per la squadra: è importante sentire l'appoggio del presidente''