Home Notizie Manchester City trionfa in Champions League in una finale sofferta

Manchester City trionfa in Champions League in una finale sofferta

404
0

Il Manchester City ha conquistato la tanto attesa Champions League dopo una prestazione laboriosa nella finale. Questa vittoria segna la terza volta che l’allenatore Pep Guardiola alza il trofeo, avendo precedentemente vinto due titoli con il FC Barcellona.

Lotta serrata tra Manchester City e Inter Milan

Nonostante il Manchester City fosse il grande favorito prima dell’inizio della partita, l’Inter Milan ha dato del filo da torcere, bilanciando le sorti del match. I nerazzurri sono riusciti a disturbare lo stile di gioco abituale del Manchester City, privando la squadra del possesso palla e creando una sfida tattica.

Il gol decisivo di Rodri

Il momento clou della partita è arrivato al 68° minuto quando Rodri ha segnato l’unico gol su assist di , deviato da un difensore dell’Inter. Nonostante la solita supremazia del Manchester City sui suoi avversari, il club ha dovuto lavorare duramente per questa vittoria, resistendo a due nitide occasioni dell’Inter nel finale di gara.

Un tripletta storica per il Manchester City

Dopo una stagione eccezionale, il Manchester City ha conquistato un tripletta storica, diventando l’unico club inglese a realizzare questo exploit dal Manchester United nel 1999.

entra nella storia

Riyad Mahrez, l’attaccante del Manchester City, si unisce a come uno dei soli giocatori algerini ad aver vinto la Champions League. A differenza di Madjer, che aveva avuto un ruolo cruciale nella vittoria del suo club nel 1987, Mahrez non ha partecipato attivamente alla finale e ha trascorso l’intera partita in panchina.

Le pagelle dei giocatori

Di seguito sono riportate le valutazioni dei giocatori di entrambe le squadre:

Leggi anche :  Manchester City: la ricerca del tripletto e la storia

Manchester City (4-3-3)

  • Rodri (8): Ha sbloccato il risultato al 68° minuto con un tiro preciso, segnando il suo secondo gol in 12 partite di Champions League. Nonostante un inizio difficile e un controllo mancato, è riuscito a farsi notare.
  • Ederson (7.5): Ha effettuato parate decisive nel secondo tempo, compresa una su Romelu Lukaku. Ha commesso alcuni errori nei lanci nel primo tempo.
  • (6.5): Il difensore svizzero è stato solido in difesa e ha fornito un assist per il gol di Rodri.
  • Rúben Dias (6.5): Sebbene sia stato più discreto del solito, Dias ha compiuto alcune azioni decisive.
  • (6): È riuscito a contenere gli attacchi milanesi, ma è stato meno evidente rispetto agli altri difensori.
  • John Stones (8): È stato eccezionale come centrocampista difensivo, con diverse azioni decisive e un coinvolgimento nel gol di Rodri.
  • Bernardo Silva (7): È stato determinante nel gol di Rodri con un assist deviato. Questa partita potrebbe essere la sua ultima con il Manchester City.
  • (Non valutato): Ha dovuto lasciare il campo al 33° minuto a causa di dolori.
  • (5): Ha sostituito Kevin De Bruyne ma non è riuscito a lasciare il segno sulla partita.
  • Ilkay Gündogan (5.5): È sembrato teso e non è riuscito a fare la differenza a centrocampo.
  • Jack Grealish (6.5): Il suo impatto offensivo ha creato problemi alla difesa dell’Inter.
  • Erling Haaland (4): Non è riuscito a rendersi pericoloso in questa finale nonostante il suo status di capocannoniere della competizione.
Leggi anche :  Rudi Garcia, il nuovo comandante di Napoli: Il successore di Spalletti è confermato

Inter Milan (3-5-2)

  • André Onana (8): Il portiere camerunense è stato eccezionale nonostante la sconfitta, compiendo numerosi interventi decisivi.
  • Matteo Darmian (5): La sua prestazione è stata mediocre. È stato sostituito all’84° minuto.
  • Francesco Acerbi (6): Il difensore italiano ha mostrato segni di stanchezza dopo una stagione intensa.
  • (5.5): Ha effettuato alcune buone azioni difensive nonostante i crampi.
  • Denzal Dumfries (6): È riuscito a contenere Bernardo Silva ma non è riuscito a contribuire in attacco.
  • Nicolo Barella (6.5): Ha vinto la battaglia a centrocampo nonostante un cartellino giallo al 59° minuto.
  • Marcelo Brozovic (6): Meno attivo di Barella, ma ha avuto una chance per segnare.
  • (5): È stato travolto dagli eventi e ha commesso numerosi falli.
  • Federico Dimarco (7): Ha sfiorato il pareggio con un colpo di testa che ha lambito il palo al 77° minuto.
  • Romelu Lukaku (6): Non è riuscito a fare la differenza nonostante alcune buone occasioni.
  • Lautaro Martínez (5): Nonostante la buona intesa con Lukaku, non è riuscito a essere pericoloso.

Sostituti:

  • Lorenzo Insigne (6): Ha sostituito Çalhanoğlu al 66° minuto ma non è riuscito a cambiare il corso della partita.
  • (Non valutato): È entrato in campo all’84° minuto sostituendo Darmian.

Valutazioni degli allenatori:

  • Pep Guardiola (Manchester City): La sua squadra ha controllato la partita ed è riuscita a convertire una delle poche occasioni da gol.
  • Simone Inzaghi (Inter Milan): Nonostante un’organizzazione solida, non è riuscito a fare la differenza in questa partita cruciale.
4.7/5 - (7 votes)

Come giovane media indipendente, SoccerHouseTV ha bisogno del vostro aiuto. Sosteneteci seguendoci e segnalandoci su Google News. Grazie per il vostro sostegno!

Seguici su Google News

Articolo precedenteChelsea pronta a scatenare l’offensiva estiva per Martinez e Onana
Articolo successivoL’Inter, orgogliosa finalista della Champions League: la parola al presidente Zhang
Marco è uno scrittore e reporter di SoccerHouseTV.it, un sito di notizie italiano di calcio. Ha sempre avuto una grande passione per l'attività giornalistica ed è un grande appassionato di calcio. È uno dei principali contributori a SoccerHouseTV.it dove scrive articoli sul calcio italiano e internazionale. È un esperto di calcio e offre sempre una prospettiva unica e ben informata su tutti gli argomenti che tratta. Ha trascorso molti anni a documentare le novità, le partite e le storie dei giocatori e dei club di calcio.