Marocco: Abderrazak Hamdallah, finalmente il grande attaccante che ci si aspettava?

Per il grande pubblico, il nome di Abderazzak Hamdallah probabilmente non dice nulla. Eppure, è una superstar nel mondo arabo, sia nel suo paese natale, il Marocco, sia nei paesi del Golfo dove è esploso. Seguito da oltre due milioni di fan sui social network, l'attaccante 31enne è una delle sorprese della squadra del Marocco. La sua storia con i Leoni dell'Atlante è speciale e dal 2019 non è più stato convocato con i Leoni dell'Atlante. Sotto Hervé Renard, era già stato la sorpresa della lista per la CAN 2019.

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Ma dopo un conflitto con alcuni giocatori, ha deciso di lasciare il raduno alla vigilia della competizione, provocando un vero e proprio terremoto in Marocco. Ha poi dichiarato di non voler più sentir parlare della Nazionale (arrivando addirittura a ritirarsi dal calcio internazionale) nonostante i contatti con Vahid Halilhodzic. Tuttavia, gran parte dei tifosi, soprattutto in Marocco, hanno sempre invocato il suo ritorno e lo considerano il grande attaccante cercato dalla selezione.

Il capocannoniere del mondo nel 2019

Il nativo di Safi sta beneficiando delle recenti e deludenti prestazioni di En Nesyri in Nazionale, ma anche e soprattutto del fatto che è sempre stato considerato un grande rifinitore. Lo dimostrano le sue statistiche mostruose all’Al-Nassr, in Arabia Saudita, dove ha segnato 112 gol in… 108 partite. Solo questo. Nel 2019, inoltre, ha chiuso l’anno come capocannoniere del mondo con 57 gol nell’anno solare, davanti a Lionel Messi (54), Robert Lewandowski (50) o Kylian Mbappé (44 gol). Le sue imprese nei campionati del Golfo sono state così popolari che a ogni conferenza stampa i giornalisti hanno invocato il suo ritorno e messo in discussione la sua assenza. Va detto che aveva già lasciato il segno nel campionato marocchino finendo capocannoniere nella stagione 2012-2013 con l’Olympique de Safi. Nello stesso anno ha scoperto la nazionale e ci si aspettava che esplodesse.

Mentre alcuni speravano in un trasferimento in un campionato top 5, alla fine ha deciso di unirsi alla Norvegia e al club Aalesunds FK (30 partite, 19 gol). Poi, nel desiderio di mantenere la sua famiglia al sicuro, ha accettato una grande offerta dalla Cina e da Guangzhou. Anche lì il suo senso del gol non è scomparso, visto che ha segnato 26 gol in 39 partite. Una stagione dopo, si è trasferito in Qatar per trascorrere periodi con l’Al Jaish (35 partite, 29 gol) e l’Al Rayyan (30 partite, 28 gol) prima di diventare una superstar asiatica con l’Al Nassr in Arabia Saudita. Con l’arrivo di Herve Renard, Abderazzak Hamdallah era scomparso dai radar. L’allenatore francese aveva spiegato di voler convocare solo giocatori che avessero giocato in Europa in campionati più competitivi di quelli del Golfo. L’attaccante marocchino si è detto molto dispiaciuto per questo, considerandolo una forma di ingiustizia.

Un carattere forte e uno spirito di vendetta

Un altro motivo per cui ha impiegato molto tempo a tornare in Nazionale, nonostante l’assenza di un attaccante efficace, è che Hamdallah è un giocatore dal carattere forte. Ha avuto molti conflitti con i suoi allenatori ed è stato provocato in molti modi. Sotto Badou Zaki (nel 2013-2014), l’attuale attaccante dell’Ittihad (Arabia Saudita) aveva già avuto qualche problema e non era più stato convocato. È stato il caso di Herve Renard o, più recentemente, di Vahid Halilhodzic, che non ha apprezzato il desiderio del giocatore di non calcolare la selezione. Durante la CAN 2019 che aveva lasciato precipitosamente durante la preparazione, Hamdallah non aveva esitato a condividere una foto che lo ritraeva mentre gustava un cocktail pochi minuti dopo l’eliminazione del Marocco contro il Benin. Un comportamento, una provocazione che alcuni tifosi non hanno gradito affatto, ma che sembra appartenere al passato. Più recentemente, i giornalisti avevano chiesto il suo ritorno nella lista di Walid Regragui a settembre. Il nuovo allenatore marocchino ha spiegato che le condizioni fisiche del giocatore erano un problema, visto che era reduce da quattro mesi senza giocare a causa di una sospensione (per aver negoziato con un altro club alle spalle dell’Al Nassr). Un giorno dopo, Hamdallah ha sottilmente condiviso una storia di lui in palestra che mostra la sua impressionante forma fisica.